menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'UE sceglie Torino come unica sede italiana per il centro di competenza per l'innovazione sociale 

Soddisfatta la sindaca Chiara Appendino

"Grande soddisfazione per questa assegnazione dell'Unione europea che riconosce a Torino, ancora una volta, il ruolo di città leader nel campo dell'innovazione sociale". La sindaca Chiara Appendino ha espresso il suo compiacimento in merito alla vittoria del capoluogo piemontese del progetto europeo bandito nella call EaSI, ‘Centri di competenza per l'Innovazione Sociale’.
Dalla prima cittadina del capoluogo piemontese sono arrivati anche i ringraziamenti a " tutti coloro che hanno lavorato per ottenere questo risultato di rilevanza strategica per una città e un territorio che proprio sulla ricerca e la sperimentazione di tecnologie innovative e ad impatto sociale hanno investito moltissimo in termini di progetti e di risorse".

Le funzioni del centro

Il programma EaSI (Employment and Social Innovation) è uno strumento finanziario europeo che punta a promuovere un elevato livello di occupazione sostenibile e di qualità, a garantire una protezione sociale adeguata e dignitosa, a combattere l'emarginazione e la povertà e a migliorare le condizioni di lavoro. L'obiettivo del progetto è sostenere la creazione e lo sviluppo di un Centro di Competenza nazionale per l'Innovazione Sociale, con le funzioni di: sviluppo delle capacità dei principali stakeholder dell'innovazione sociale; trasferimento transnazionale di conoscenze; creazione di sinergie tra il programma EaSI e il FSE (Fondo Sociale Europeo), soprattutto nell’ottica di ideare, supportare, monitorare e integrare azioni innovative che potrebbero essere estese e/o replicate usando i fondi del FSE  nei prossimi anni. E infine networking per realizzare una rete e cooperare con altri Centri di competenza selezionati, usando l'apprendimento reciproco e sviluppando, valutando e ottimizzando congiuntamente metodi e strumenti pertinenti anche raccogliendo e disseminando esempi, modelli e pratiche fonte di ispirazione. 

Budget da 900mila euro

“Questo riconoscimento è il risultato degli sforzi fatti nel consolidare a Torino un ecosistema unico nell’ambito dell’Innovazione sociale - afferma Marco Pironti, assessore all'Innovazione della Città di Torino -. Il Centro rappresenterà un fondamentale strumento per un reale impatto di lungo periodo sul territorio, rafforzando il ruolo di sperimentatore di pratiche di innovazione sociale, anche attraverso i fondi del Pon Metro”.

Con questo progetto – il cui budget complessivo è di circa 900mila euro – si vuole costruire un ponte tra le politiche pubbliche e le pratiche sociali al fine di integrare l'Innovazione Sociale in Italia e nei Paesi partner come approccio all'innovazione incentrato sull'uomo, capace di promuovere lo sviluppo tecnologico e al tempo stesso di affrontare le sfide sociali e societarie più urgenti. La strategia è creare un Centro di Competenza nazionale sull'Innovazione Sociale quale piattaforma per collegare le politiche pubbliche e le comunità di pratica al fine di facilitare la comprensione reciproca, favorire una migliore cooperazione e aumentare la capacità dei decisori politici e dei professionisti di promuovere il tema nel paese e all'estero. 
 
“È un successo importantissimo che suggella il ruolo di Torino come uno dei più importanti centri al mondo per l'Innovazione Sociale e la finanza a impatto – dichiara Mario Calderini, portavoce di Torino Social Impact -. Non per caso Torino è stata scelta come sede di due eventi internazionali che sono stati inclusi dalla stampa specializzata tra i dieci più importanti al mondo del 2021 e la Commissione Europea ha presentato il caso Torino come uno degli esempi guida nella costruzione del Social Economy Action Plan che lancerà tra qualche mese".

Partnership strategica 

Il Centro mira quindi a facilitare la promozione, il mainstreaming e l'upscaling dell'innovazione sociale sulla base delle caratteristiche specifiche del contesto di ciascun partner coinvolto basandosi su una forte partnership strategica tra autorità pubbliche, università e centri di ricerca, intermediari e professionisti che condividono una visione comune sull'innovazione sociale quale motore chiave per lo sviluppo inclusivo e sostenibile europeo. A tal fine dovrà sostenere e coordinare i nascenti Centri in Grecia, Romania e Slovenia. Sarà attivata una Cabina di regia, a livello italiano, composta da ANPAL, l’Autorità di Gestione del Pon Inclusione e del Pon Metro con funzioni di coordinamento e indirizzo. Il progetto – i cui partner sono Fondazione  Brodolini, Politecnico di Milano, Università di Bologna, Politecnico di Torino, Euricse, Fondazione Italia Sociale - ha raccolto il sostegno di oltre 30 stakeholders italiani pubblici i privati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento