Attualità Centro / Via Giuseppe Verdi

Università, studenti no green pass occupano l'Aula Magna del Rettorato di Torino

Giorno e notte in presidio

Una ventina di studenti universitari hanno occupato l'aula magna del Rettorato di Torino che si trova in via Verdi. Alla base dell'occupazione c'è la loro contrarietà al green pass obbligatorio per accedere presso le sedi universitarie. L'occupazione è scattato dopo un incontro che gli studenti hanno avuto nel pomeriggio di ieri, mercoledì 27 gennaio, con il rettore Stefano Geuna. 

Gli studenti hanno presentato al rettore una lettera con la quale volevano dimostrare all'Università l'incapacità del green pass di contenere i contagi da covid-19. "Tra di noi ci sono studenti che hanno il green pass e anche la terza dose", spiegano gli occupanti, "Anche chi tra noi è vaccinato vuole entrare all'Università come cittadino avente diritti e non come persona che si è fatta tre vaccini. Noi non siamo no vax, pensiamo che debba essere una questione di scelta e non di discriminazione all'interno dell'Università". 

Gli occupanti, che chiedono che venga cancellato l'obbligo di green pass per entrare in Università, stanno organizzando per i prossimi giorni diverse iniziative alle quali parteciperanno anche Davide Totino e Ugo Mattei. L'occupazione è sostenuti anche da CUB, SI Cobas e altre associazioni. 

"L'ateneo è la sede nella quale liberamente si possono manifestare le opinioni", ha risposto sul tema il rettore Geuna, "Noi abbiamo un impegno molto forte per promuovere la campagna vaccinale, crediamo profondamente nell'importanza di vaccinarsi e quando li ho incontrati ho cercato di ribadire questi temi. È brutto vedere che ci sia ancora una certa resistenza nei cofronti di una pratica che è stato ampiamente dimostrato sia l'arma più forte contro questa pandemia".

Università no green pass-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, studenti no green pass occupano l'Aula Magna del Rettorato di Torino
TorinoToday è in caricamento