rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Attualità Aurora / Corso Giulio Cesare

Guerriglia urbana in Aurora, il sindaco: "È intollerabile. Problemi di droga e gang sotto occhi di tutti"

Le forze dell'ordine sono al lavoro per individuare i responsabili

Intollerabile. È questa la parola che il sindaco di Torino, Stefano Lo Russo, ha utilizzato per definire la guerriglia urbana che sabato pomeriggio, il 9 aprile, è stata scatenata nel quartiere Aurora da un gruppo di una ventina di persone. Lancio di bottiglie, caccia all'uomo e botte, è lo scenario che è stato testimoniato dalle immagini video che hanno girato alcuni residenti e che poi hanno voluto condividere per denunciare la situazione che sono costretti a vivere. 

Della questione ieri, lunedì 11 aprile, si è discusso in Comune durante il consiglio comunale. Ricostruire i fatti è stato il compito di Gianna Pentenero, assessora alla Sicurezza del Comune di Torino. L'assessora ha specificato che all’arrivo delle forze dell’ordine i protagonisti della rissa si erano già eclissati e ha precisato che le indagini sono in corso, anche tramite le immagini riprese dalle telecamere situate in zona. Quell'area è una zona problematica della città dove le forze dell’ordine, ha aggiunto l’assessora, hanno intensificato i controlli. 

"Anche io sono rimasto colpito e credo vada usata una parola netta rispetto a quell'episodio, e la parola è intollerabile, grave, non può esistere una zona della città in cui si verificano episodi di questo tipo", ha detto il sindaco riferendosi a fatti che sono avvenuti a poco più di mille metri dalla piazza del municipio. Una zona che, pur essendo così vicina al centro della città, sembra essere ai margini di Torino; margini che sono tracciati dal confine della Dora. 

"Conosco la città e che vi siano episodi gravi connessi al traffico di droga e alle gang è sotto l'occhio di tutti", ha spiegato Lo Russo, "e quello che possiamo fare noi è attivare i processi che competono al Comune, politiche attive di prospettiva che aiutino a limitare il disagio. Sono consapevole che è meno di impatto di una pattuglia o di una camionetta ma questo è quello che può fare un sindaco, e che stiamo mettendo in campo. Altra cosa che faremo è un coordinamento ancora maggiore con le forze dell'ordine, consci che loro stesse talvolta hanno difficoltà in termini di uomini e mezzi".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerriglia urbana in Aurora, il sindaco: "È intollerabile. Problemi di droga e gang sotto occhi di tutti"

TorinoToday è in caricamento