rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Attualità Centro / Corso Inghilterra, 7

Città Metropolitana, è attivo lo sportello per non 'annegare' nei debiti

In corso Inghilterra

Presso la sede della Città metropolitana di Torino, in corso Inghilterra 7, è attivo, grazie anche a una convenzione sottoscritta con il Comune di Villastellone, lo sportello contro il sovraindebitamento. 

A chi si rivolge

Si tratta di un'iniziativa per supportare i consumatori, le piccole e medie imprese, i commercianti, gli artigiani, i professionisti, gli imprenditori agricoli e gli enti privati non commerciali, nella gestione della crisi da sovraindebitamento.

A cosa serve 

L'obiettivo è quello di fornire alla cittadinanza un luogo accogliente e riservato dove poter illustrare la propria situazione e comprendere quali sono gli strumenti che la Legge n. 3/2012 mette a disposizione per affrontare le gravi situazioni di crisi finanziaria, anche nell'ottica di ridurre il contenzioso giudiziario.

È proprio di questi giorni uno spot trasmesso sulle emittenti locali, a cura della Città Metropolitana, per informare i cittadini sull'esistenza del servizio. 

Per non 'annegare' nei debiti 

L’immagine è quella di un uomo che precipita nell’acqua e sembra annegare: annegare nei debiti, appunto. Ma la soluzione - o meglio - un aiuto alla soluzione, può arrivare dalla legge 3/2012 e dallo sportello aperto dalla Città metropolitana, che offre un primo incontro orientativo gratuito con professionisti competenti.

Nella seconda parte dello spot l’uomo nuota in una piscina dove anche i rumori rassicurano: non è più solo e affrontare le difficoltà sarà più semplice. 

Dove rivolgersi

Lo sportello è attivo nella sede di corso Inghilterra 7, funziona su appuntamento inviando una email a sovraindebitamento@cittametropolitana.torino.it oppure telefonando al numero 011 861.6029 e lasciando i propri dati alla segreteria telefonica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città Metropolitana, è attivo lo sportello per non 'annegare' nei debiti

TorinoToday è in caricamento