Attualità

Vaccini, il Piemonte sospende AstraZeneca e Johnson&Johnson per gli under 60: stop anche ai richiami

In attesa di indicazioni ufficiali dalle autorità sanitarie

La Regione Piemonte ha sospeso, in via precauzionale, la somministrazione delle prime dosi e dei richiami del vaccino AstraZeneca alla popolazione under 60. Decisione presa in attesa di ricevere dalle autorità sanitarie nazionali la nota ufficiale relativa alle nuove modalità di utilizzo del vaccino AstraZeneca. Gli under 60 convocati oggi, sabato 12 giugno, se le Asl non avranno a disposizione un vaccino alternativo ad AstraZeneca, verranno riprogrammati in un'altra occasione.  

Anche per i richiami sarà necessario rimandare poiché si attendono indicazioni ufficiali sull’uso di un vaccino alternativo come seconda dose. Nessuno al momento vuole azzardare un mix tra vaccini, senza sapere con esattezza quale sia l'accoppiamento migliore.

Non appena sarà chiarita con nota ufficiale dall’autorità sanitaria nazionale anche la procedura per effettuare i richiami di AstraZeneca attraverso i vaccini alternativi Pfizer e Moderna, la Regione darà immediata attuazione alla riprogrammazione delle seconde dosi. La Regione ha invitato le Asl a contattare direttamente chi ha preaderito, laddove possibile, spiegando loro il motivo dell’annullamento della somministrazione.

Ma la novità di oggi, sabato 12 giugno, è che alla luce delle nuove raccomandazioni delle autorità sanitarie nazionali sull’utilizzo dei vaccini a vettore adenovirale, la Regione Piemonte ha deciso in via precauzionale di sospendere la somministrazione alla popolazione under60 anche del vaccino Johnson&Johnson.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini, il Piemonte sospende AstraZeneca e Johnson&Johnson per gli under 60: stop anche ai richiami

TorinoToday è in caricamento