Venerdì, 30 Luglio 2021
Attualità Centro / Via Pietro Micca, 20

La storica edicola di via Pietro Micca è salva e si rinnova: grazie a un progetto tutto milanese

I proprietari avevano deciso di venderla al Comune, alla cifra simbolica di 1 euro

E' salva la storica edicola di via Pietro Micca 20 a Torino. E a preservare e a dare un volto nuovo all'attività, gestita da 30 anni da Filomena e Giuseppe, è "Quotidiana", un progetto tutto milanese promosso dal Gruppo MilanoCard, che partito a dicembre nel capoluogo lombardo, è già riuscito a sbarcare sotto la Mole. Quotidiana è la rete che si rifà al progetto francese “Lulu dans ma rue”, nato e sviluppato a Parigi, che pone al centro le storiche edicole che identificano i centri urbani, offrendo loro una nuova “vita” commerciale e sociale e dando l'occasione di tornare e essere un punto di riferimento per tutti i cittadini. 

La crisi dell'editoria

La situazione della struttura, situata a pochi passi da piazza Castello da fine 800, era balzata agli onori della cronaca la scorsa estate. Per i proprietari, complice la crisi dell'editoria, portare avanti l'attività era ormai diventato impossibile. Dunque la scelta era ormai una sola: chiudere l'attività. Ma anche smantellare la struttura avrebbe avuto un costo - circa 10mila euro -, tutto a carico degli edicolanti. Da qui la decisione di provare a venderla al prezzo simbolico di 1 euro al Comune, pronto a riconvertirla in uno spazio destinato alla cittadinanza o ai turisti. 

Non solo giornali

MilanoCard ha avviato l’acquisizione di edicole a Milano, Torino, Roma e altre città italiane ideando un format innovativo che consente di avere non solo il giornale sotto casa, ma anche di effettuare la spesa di tutti i giorni, con oltre 320 referenze alimentari di largo consumo a prezzi competitivi e una vasta scelta di servizi alla persona dalla baby-sitter alla badante passando per l’elettricista o il giardiniere.

Grazie al piano industriale milanese dunque, la storica edicola è salva. “La città di Torino - ha dichiarato l’amministratore delegato di MilanoCard, Edoardo Scarpellini - ha immediatamente colto le potenzialità di Quotidiana, che si inseriscono perfettamente in un percorso già avviato dall'amministrazione e confermato dal voto unanime del Consiglio Comunale, nel settembre scorso, di una delibera volta a rilanciare le edicole cittadine nella piena attuazione delle norme nazionali di liberalizzazione del settore risalenti al 2012 e su spinta Europea. Il capoluogo piemontese - ha aggiunto l'ad - si dimostra una città particolarmente attenta all’innovazione imprenditoriale e sociale volta a rilanciare storici presidi del territorio quali sono le edicole. Un ringraziamento speciale alla famiglia Rota che non ha solo cercato di vendere la propria attività ma si è impegnata per salvaguardare un pezzo del patrimonio culturale e sociale della città”.

Obiettivo del progetto: riallacciare i rapporti umani

Cuore pulsante di questo inedito concetto di edicola sono i rapporti umani. Obiettivo del progetto è permettere di riallacciare quei rapporti più veri che sono alla base della comunità e che, a causa della pandemia, si sono ridotti se non addirittura persi. Il network Quotidiana vuole porsi come punto di riferimento per gli abitanti dei quartieri mettendo a disposizione una serie di servizi di vicinato utili per risolvere qualsiasi tipo di problema. Un ulteriore asset di Quotidiana vede le edicole quale forte presidio culturale di quartiere creando, producendo e diffondendo mostre fotografiche e di video-arte di grande valore che saranno distribuite all’esterno dei punti vendita.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storica edicola di via Pietro Micca è salva e si rinnova: grazie a un progetto tutto milanese

TorinoToday è in caricamento