Vallette, un milione e 500mila euro per la riqualificazione del quartiere

Oltre venti azioni da portare a termine entro il 2022

Un milione e 469mila euro dal progetto AxTo per la riqualificazione del quartiere Vallette di Torino. La Giunta comunale ha appena approvato un ampio disegno di rigenerazione urbana per l'area,  nato alla fine degli anni ’50 ed esempio di quelle città satellite che costituivano un modello di sviluppo urbano di quegli anni. Si tratta di 22 azioni da realizzarsi tra il 2020 e il 2022, prevalentemente distribuite lungo cinque assi tematici: spazio pubblico, casa, impresa e commercio, scuola e cultura, partecipazione e comunità.

"Attraverso le azioni individuate -  spiegano gli assessori Alberto Unia e Marco Alessandro Giusta - , - si intende offrire occasioni di socializzazione alla popolazione anche valorizzando le numerose aree verdi e i luoghi consolidati all'interno del quartiere, migliorare le connessioni con le reti cittadine di servizi; sostenere le iniziative socio-culturali, incentivare la localizzazione di nuove attività economiche e dell’agricoltura urbana come risorsa locale; favorire interventi di manutenzione che possano accrescere la qualità del patrimonio abitativo".

Interventi nel cuore del quartiere 

Il primo asse tematico raccoglie le azioni che intervengono materialmente sul miglioramento dello spazio pubblico. Gli interventi che si collocano intorno alla piazza Montale, al centro del quartiere, intendono riqualificare, con una manutenzione straordinaria del plateatico e di buona parte degli edifici che vi si affacciano. Sono previsti inoltre gli interventi sul sistema del verde anche con riferimento alle fasce anziane anche attraverso la riproposizione di esperienze, come gli orti urbani, già sperimentate con successo in contesti simili.

Infine, il tema della mobilità pedonale viene affrontato cercando di superare la frattura del quartiere determinato dalla presenza del “trincerone” della linea 3 e acuitosi in seguito alla demolizione dei tre sovrappassi pedonali.

Partecipazione della cittadinanza 

E poi ancora, interventi di valorizzazione del patrimonio edilizio,  azioni volte a favorire la localizzazione di attività economiche e attività di accompagnamento sociale con l'obiettivo di favorire la partecipazione della cittadinanza e di coordinare la comunicazione di AxTO Vallette. Il tema della partecipazione dei cittadini alla gestione e alla cura dei luoghi oggetto di intervento costituisce uno degli elementi qualificanti e innovativi dei programmi di rigenerazione.

"La gestione del progetto dovrà confrontarsi con le conseguenze dell’emergenza sanitaria in corso generata dalla pandemia Sars – Cov 2, non facili da prefigurare - spiegano ancora Unia e Giusta -. In particolare, sottolineano i due assessori - due questioni emergono su tutte: la prima riguarda la dotazione di spazi pubblici - marciapiedi, piazze, aree verdi, cortili scolastici - che caratterizza il quartiere Vallette  che rappresentano una risorsa preziosa, sia per la realizzazione di iniziative collettive sia  come opportunità di sostegno delle attività economiche".

E continuano:" Così come  la consistente dotazione di spazi scolastici può costituire una fondamentale risorsa per pensare a modalità di didattica sperimentale; la seconda è invece legata al distanziamento fisico dettato dall'emergenza sanitaria e il rischio che esso possa trasformarsi rapidamente in un fattore di distanziamento sociale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • La "deviazione" costa oltre 10mila euro: multato un camionista diretto a Torino

Torna su
TorinoToday è in caricamento