Domenica, 16 Maggio 2021
Attualità Filadelfia / Via Giordano Bruno, 201

Le palazzine dell'ex Villaggio Olimpico cambiano padrone: ospiteranno 400 posti letto temporanei

Per studenti e giovani lavoratori

Una delle palazzine dell'ex Villaggio Olimpico di via Giordano Bruno

Le sette palazzine dell’ex Villaggio Olimpico di borgo Filadelfia, dopo la liberazione definitiva dalla lunga occupazione avvenuta a luglio 2019, saranno completamente ristrutturate e diventeranno un complesso di residenze sociali, con oltre 400 posti letto dedicati alla residenzialità temporanea a tariffe convenzionate per studenti, giovani lavoratori e 'city-users'. A regime, questo sarà gestito da Camplus, primo provider italiano di co-living e di housing per studenti universitari, che il prossimo anno gestirà anche 2mila posti letto a Torino. 

La proprietà è stata trasferita al Fondo Abitare Sostenibile Piemonte. “Con il trasferimento della proprietà, il sostegno di Cassa Depositi e Prestiti e delle fondazioni di origine bancaria e attraverso il progetto che ne prevede la destinazione ad housing sociale e a servizi alla persona - dice la sindaca Chiara Appendino -, il quartiere e i suoi abitanti si riapproprieranno definitivamente di quegli spazi che, per troppo tempo, erano stati abbandonati e diventati teatro della più grande occupazione abusiva d'Europa. Così, si può dire che si sia ormai avviato a compimento il processo di rigenerazione e di restituzione alla cittadinanza di quella porzione di ex Villaggio Olimpico dopo che il proficuo lavoro di squadra (compiuto da istituzioni pubbliche, arcidiocesi e fondazioni di origine bancaria) aveva consentito di liberare le palazzine senza tensioni, proponendo agli occupanti la possibilità di seguire percorsi di autonomia abitativa e lavorativa e, in questo modo, dando soluzione a una situazione critica che si trascinava da anni”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le palazzine dell'ex Villaggio Olimpico cambiano padrone: ospiteranno 400 posti letto temporanei

TorinoToday è in caricamento