menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immagine di repertorio

immagine di repertorio

Tesserino raccolta funghi, tutte le regole per non essere multati

Il regolamento 2019 in Piemonte

E’ cominciata la stagione dei funghi. Se piove e poi esce un po’ di sole, il tempo per i funghi è perfetto. Superato dal 2016 il tesserino per la raccolta valido per una singola Comunità Montana o Consorzio ed abolito dal 2014 il bollo da apporre alla ricevuta del conto corrente postale relativo al pagamento effettuato, è diventato certamente più comodo mettersi in regola. Il pagamento attuale, infatti, consente la raccolta dei funghi  in tutto il territorio della Regione. Le novità relative al  2019 sono poche, ma andiamo per gradi riassumendo anche tutte le regole vigenti.

Raccolta funghi: un pagamento unico valido per tutta la Regione 

  • Il costo per un anno è di 30 euro ma è possibile effettuare pagamenti pluriennali: euro 30,00, validità fino al 31/12/2019, euro 60,00, validità fino al 31/12/2020, euro 90,00, validità fino al 31/12/2021.
  • E’ previsto anche un abbonamento Giornaliero, al costo  di euro 5,00, utilizzando per il pagamento un Bollettino di Conto Corrente Postale ed un  abbonamento Settimanale di euro 10,00.                                                                                            
  • L’importo dovrà essere versato sul c/c postale n. 1032960476 intestato a Unione Montana dei Comuni del Biellese Orientale-Servizio Tesoreria. Causale: Tesserino raccolta funghi, anno 2019.
  • Solo per i residenti del territorio di alcune Comunità Montane è ancora presente la possibilità di un permesso valido per quel singolo territorio, pagando Euro 15 alla specifica Comunità.
  • In caso di controllo devono essere presentati la ricevuta del pagamento ed un documento d’identità valido.  
  • E’ consentita la raccolta fino a 3 chilogrammi di funghi al giorno delle specie pregiate (vedi  più avanti Elenco delle specie considerate non pregiate).                                                                                                           
  • I minori di 14 anni,  fino a due, accompagnati da un adulto in possesso dell’abbonamento, possono raccogliere gratuitamente.     
  •  E’ vietata la raccolta dell’ Amanita Cæsarea allo stato di ovolo chiuso, ovvero prima che il fungo si sia sviluppato e sia già fuori dall’ovolo poiché è impossibile distinguere un ovolo di Amanita Cæsarea da uno di Amanita Muscaria, tossica.

Raccolta funghi: le novità introdotte per il 2019

  • Anche per le specie non pregiate, la cui raccolta prima era libera e illimitata, viene introdotto dal 2019  il limite di 3 Kg. 
  • Elenco delle specie considerate non pregiate: Armillariella mellea,  Agaricus campestris,  Agaricus macrosporus, Morchella spp., Arasmius oreades,  Pleurotus ostreatus, Coprinus comatus, Macrolepiota procera.                                                      
  • Per la raccolta delle specie non pregiate non è necessario  alcun pagamento, abbonamento o tesserino.  
  • La sanzione proporzionale prevista ammonta a 30 euro per ogni 500 grammi di funghi raccolti oltre il limite ma si può effettuare un pagamento, ridotto di 10 euro ogni 500 grammi eccedenti.                         
  •  La sanzione, nel caso di raccolta senza abbonamento, può variare da 40 a 240 euro. Si può effettuare un pagamento ridotto di 80 euro aggiungendo però, nel caso, la multa prevista per il superamento del quantitativo dei 3chili.      
  • Se non ci si avvale del pagamento in misura ridotta delle sanzioni, l’autorità competente potrà  applicare con ordinanza o ingiunzione  la sanzione prevista per la violazione più grave aumentata fino al triplo. 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Collegno campi di colza in fiore: cosa sono e a cosa serve la colza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento