Attualità Parella / Via Madonna delle Salette

Parella: il villaggio atleti delle Universiadi sorgerà nel grande prato, ma i residenti non ci stanno

"No alla cementificazione"

I residenti di Borgata Parella dicono no alla costruzione del villaggio delle Universiadi 2025 nel grande prato in via Madonna delle Salette. Accantonato il progetto del Palavolley, sorgeranno invece due palazzine per 556 atleti, che in futuro diventeranno residenze universitarie. Per questo motivo il Comitato Salviamo i prati di Torino, domenica 30 maggio, per ribadire il valore della natura, incontrerà nell'area verde, il Comitato Salviamo il pratone di San Donato Milanese che ha un problema analogo. In realtà altre iniziative in difesa dell'area verde di Parella e per constrastare 'l'assalto' del Comune agli ultimi terreni rimasti liberi in città, erano già state organizzate all'inizio della primavera, quando le Universiadi non erano ancora state assegnate. 

"Il Comune di Torino vorrebbe eliminare un grande terreno vergine di 11.000 mq in via Madonna della Salette - scrivono nella nota gli organizzatori dell'evento di domenica - per costruire un villaggio/residenza destinato ad accogliere gli atleti delle Universiadi 2025. Inoltre alcuni terreni vergini privati sono destinati a sparire per costruire enormi edifici ad uso residenziale. La città, sempre più inquinata e vulnerabile di fronte alla crisi ambientale, è governata dalla logica della rendita e del profitto di pochi. Il Comune è compiacente e sottomesso". 

I cittadini dunque si incontreranno per opporsi alle trasformazioni urbane imposte, ribadendo di volersi prendere cura degli spazi comuni e sottolineando il fatto di come 'Torino sia tra le città più cementificate d'Italia'. All'evento di domenica, al quale non mancheranno musica e merenda per tutti, prenderanno parte anche gli attivisti di Fridays for Future.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parella: il villaggio atleti delle Universiadi sorgerà nel grande prato, ma i residenti non ci stanno

TorinoToday è in caricamento