Domenica, 25 Luglio 2021
Attualità Corso Francia, 234

Collegno: festa per il parrucchiere Gilberto al suo ultimo giorno, dopo 56 anni di attività

Chiude e va in pensione

Gilberto Mazzini festeggiato dal sindaco Francesco Casciano

Quante teste avrà sistemato Gilberto Mazzini, il 77enne parrucchiere di corso Francia 234 a Collegno (zona Leumann) che oggi, mercoledì 30 dicembre 2020, ha lavorato per l'ultimo giorno prima di andare in pensione dopo 56 anni di attività? Sicuramente saranno state decine di migliaia, ma in quest'occasione sulla sedia ci è finito lui con un coiffeur d'eccezione, il sindaco Francesco Casciano, che è arrivato nella sua bottega per consegnargli un attestato di riconoscenza della città.

Come ogni barbiere che si rispetti, Gilberto ha avuto una clientela affezionata con persone che, nel corso degli anni, sono diventati quasi degli amici con cui discutere nella mezz'oretta in cui lui tagliava i capelli o faceva la barba. "Grazie Gilberto - ha detto Casciano -, Collegno ti ringrazia per la tua grandissima passione e il tuo prezioso lavoro in città".

L'attuale negozio, che con oggi chiuderà i battenti per sempre, era stato aperto nel 1972, ma già dal 1964 lui aveva aperto dall'altro lato della strada. Prima ancora aveva fatto apprendistato a Grugliasco ("iniziando a 12 anni dal signor Tazio", ricorda) e poi a Rivoli. A 21 anni, invece, aveva deciso di mettersi in proprio.

"Oggi -  dice Mazzini, sposato da 53 anni, con due figlie e una nipote di 16 anni - mi hanno fatto una sorpresa, mi hanno fatto quasi piangere. Adesso farò qualche gita in più, qualche crociera e farò più cose in casa: mia moglie mi ha preparato un po' di lavori da fare, tipo in garage. Poi farò qualche lavoretto condominiale e andrò in bicicletta, ne ho appena presa una con pedalata assistita".

francesco-casciano-pettina-barbiere-gilberto-mazzini-collegno-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Collegno: festa per il parrucchiere Gilberto al suo ultimo giorno, dopo 56 anni di attività

TorinoToday è in caricamento