Domenica, 24 Ottobre 2021
Attualità Villar Dora / Via Sant'Ambrogio, 61

Palle nerazzurre sulla panchina bianconera: "Soltanto uno sfottò tra amici che si conoscono"

Persecuzioni razziali non c'entrano

Uno sfottò di paese dopo la vittoria dell'Inter sulla Juventus a Villar Dora nella mattina di lunedì 18 gennaio 2021. Qualcuno ha posizionato due palle nerazzurre sulla panchina dipinta di bianconero in località Pilone, in via Sant'Ambrogio.

Su Facebook c'è stata anche qualche polemica, in quanto "l'ignoto autore non sapeva che i colori fossero stati scelti dal tecnico comunale, dall'esecutore materiale, dal supervisore ai lavori e sembra (ma non è notizia certa) dalla progettazione di un noto geometra villardorese in ricordo delle persecuzioni razziali. Speriamo che si ravveda per lo scherzo di cattivo gusto e faccia le scuse agli interessati. A sua parziale discolpa bisogna riconoscere che per un caso strano del destino tutti gli interessati sono di fede juventina, e come disse l'onorevole Andreotti a pensar male si fà peccato ma quasi sempre si indovina".

In realtà, come conferma il sindaco Savino Moscia, chi ha posizionato le palle nerazzurre conosce benissimo gli autori e ha voluto fare loro uno scherzo per la loro fede calcistica, senza volere assolutamente offendere coloro che sono stati perseguitati: "Quando abbiamo avuto primo lockdown - racconta il primo cittadino - alcune associazioni hanno adottato una panchina, iniziativa ha avuto un grosso successo. C'è anche questa bianconera che è vero non ricorda direttamente la Juventus. ma i cui autori hanno tutti questa fede calcistica. Questi palloni sono solo uno sfottò tra amici di paese e questo è assolutamente positivo. Meno male che c'è chi ancora sa vivere di burle".

La panchina con le due palle nerazzurre, inoltre, sta diventando meta delle persone che passano di lì e che si scattano un selfie.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palle nerazzurre sulla panchina bianconera: "Soltanto uno sfottò tra amici che si conoscono"

TorinoToday è in caricamento