Palazzo Madama, al via le selezioni per il nuovo direttore

Per candidarsi c'è tempo fino al 24 settembre

La Fondazione Torino Musei cerca un nuovo direttore per Palazzo Madama. Dopo Guido Curto, che dal 1 settembre 2019 è passato a dirigere il Consorzio delle Residenze Reali Piemonte e la Reggia di Venaria, il posto in piazza Castello - probabilmente solo per lentezze burocratiche - è rimasto vacante.

Ma non è destinato a rimanerlo ancora a lungo. La selezione per dirigere Palazzo Madama, patrimonio mondiale dell'UNESCO e fra i dei monumenti più rappresentativi del Piemonte, è stata avviata e le domande dovranno pervenire QUI entro le 24 del 14 settembre 2020.

La mission 

Il nuovo direttore, oltre al compito di provvedere allo studio, alla cura, alla gestione e alla valorizzazione delle collezioni permanenti del museo, è chiamato a rafforzare il rapporto tra il museo e il proprio pubblico con attenzione al tema dell'accessibilità culturale, promuovere iniziative, attività e attuare un programma di esposizioni temporanee volte sia a incrementare l'affluenza sia a raggiungere nuove tipologie di pubblico, garantendo sia la correttezza scientifica sia l'approccio divulgativo.

Dovrà inoltre rafforzare il rapporto del museo con il territorio e la Città di Torino, con musei ed enti nazionali e internazionali, sia sul piano delle attività espositive sia sul piano della ricerca scientifica, oltre che incrementare l'attività di fundraising e sviluppare nuove modalità di fruizione digitale del museo e del suo patrimonio artistico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Palazzo Madama, dal 1934 ospita le collezioni di arte antica del Museo Civico nato nel 1861, che comprende oltre 70.000 opere, dall'alto medioevo al periodo Barocco. Tra queste da segnalare il Ritratto d'uomo di Antonello da Messina e le Ore di Torino-Milano, l'unico manoscritto al mondo con miniature di Jan Van Eyck. Non meno importante, al secondo piano dell'edificio, le Arti Decorative. Qui sono esposti alcuni dei capolavori -  vasi, avori, tessuti e vetri dorati -  delle collezioni più ricche d'Europa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il conduttore torinese a Verissimo: "Un medico mi disse che era solo un'influenza"

  • Investito dalla sua auto dopo avere dimenticato di inserire il freno a mano: è grave

  • Cammina sulle auto parcheggiate, poi si lancia su una e le sfonda il parabrezza: arrestato

  • Offerte di lavoro del gruppo Iren: le posizioni aperte a Torino

  • Uomo scomparso da mercoledì sera: ritrovato il corpo

  • La denuncia: "Aggredito dal vigilante del supermercato perché mi sono abbassato la mascherina"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento