Il primo palazzo in legno in costruzione a Torino: ecco dove

A realizzarlo un'impresa torinese

Foto dal sito di Tecnici.eu

Un intero palazzo di 7 piani in legno, fondamenta a parte, in piena città: è questo l'insolito progetto che sta prendendo forma in borgo san Paolo a Torino, precisamente in via Carso, dove un vecchio edificio in disuso è stato abbattuto per fare spazio a questo innovativo tipo di costruzione, realizzato da un'impresa torinese.

Xlam, il materiale con cui è costruito il palazzo di legno

La ditta che sta costruendo il palzzo in legno si chiama Tecnici.eu, e sul loro sito si trovano molte informazioni riguardanti questo tipo particolare di legno chiamato XLam. "Le lastre in legno di abete massiccio a strati incrociati XLAM sono pannelli di grandi dimensioni formati da più strati di tavole, sovrapposti ed incollati uno sull’altro" spiegano da Tecnici.eu, impresa che fa capo a Fabio Mosca.

E ancora: "La fibratura di ogni singolo strato è ruotata nel piano del pannello di 90° rispetto agli altri strati. Le tavole usate per la produzione dei pannelli XLAM sono classificate secondo ad una ben precisa classe di resistenza, con proprie certificazioni ed omologazioni. Grazie all’incollaggio per strati trasversali è possibile ridurre al minimo i movimenti del legno con conseguente stabilità dimensionale". Insomma, un palazzo solido come quelli in cemento, ma in un materiale naturale che, spiegano ancora da Tecnici.eu, "vi permettono di vivere in un luogo più sano, ecologico e ad alta efficienza energetica". 
L’X-LAM, quindi, garantisce un’ottima protezione antincendio, un buon isolamento acustico, traspirabilità al vapore, isolamento termico (impedisce la formazione di muffe), flessibilità e modularità nella gestione degli spazi. E per chi teme di patire particolarmente freddo e umidità, c'è anche un edificio costruito a Saint Nicolas, in Valle d'Aosta.

progetto casa legno xlam torino tecnici eu-2

Il palazzo di legno di via Carso

A Torino gli edifici strani non mancano: a iniziare dalla Mole Antonelliana e dalla Fetta di Polenta, per arrivare in tempi più moderni al Palazzo a Vela, le costruzioni particolari fanno parte della storia della nostra città. Ora, dopo la chiesa ortodossa in legno di corso Trieste a Moncalieri, sta per essere realizzato un nuovo edificio ligneo che attirerà l'attenzione di investitori e passanti. 

"Le parole chiave che danno luce a questo progetto unico a Torino... il primo palazzo di 7 piani costruito interamente in legno! Una nuova sfida nel campo della bioedilizia" rivendicano i costruttori: nel 2019, quando il cantiere sarà occupato e gli appartamenti venduti, l'azienda torinese potrà vantare un primato assolutamente originale, capace di dare nuova vita a  un materiale da costruzioni primordiale come il legno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Fantomatico volantino di un (sedicente) papà: "Avete molestato mia figlia, vi sto cercando"

  • Tragedia nell'abitazione: donna trovata morta

  • Vanno a fare la spesa e lasciano il figlio chiuso in auto con 40 gradi: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento