55 tensostrutture per 450 posti letto dentro Torino Esposizioni: quasi pronta l’area sanitaria | Foto e video

L'apertura potrebbe avvenire tra meno di una settimana

Mancano pochi giorni alla fine dei lavori, prevista intorno al 20 novembre, per realizzare l’area sanitaria dedicata a pazienti Covid a bassa intensità al Padiglione V di Torino Esposizioni.

Sabato 14 novembre sono state montate le tende messe a disposizione della Regione Piemonte dalla Provincia Autonoma di Trento. L’area accoglierà 55 tensostrutture messe a disposizione anche dalla Croce Rossa e dalla Regione attraverso la Protezione civile e la Maxiemergenza 118 (con il Field Hospital, EMT 2 Emergency medical team, struttura unica in Italia e tra le sole 4 presenti in Europa). 

Il V Padiglione accoglierà oltre 450 posti letto che saranno gestiti in forma integrata dalla AOU Città della Salute di Torino, dall’Asl Città di Torino e dalla Maxiemergenza 118. La Centrale 118 e il sistema di emergenza territoriale si occuperà, invece, di trasporti sanitari e di quelli in emergenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

  • Zona Arancione: estesa apertura negozi, maggiori controlli, dentro e fuori, nei centri commerciali

Torna su
TorinoToday è in caricamento