Olimpiadi 2026, stop di Malagò a Torino e le valli: "Il dossier è chiuso"

"Le gare saranno in Lombardia e Veneto"

Per Torino e il Piemonte arriva la doccia ghiacciata dal Coni. "Il dossier delle Olimpiadi Invernali 2026 è chiuso: le gare si svolgeranno in Lombardia e Veneto". Giovanni Malagò, a margine di un'intervista su Radio Rai 1, non usa mezze parole e chiude ogni porta alla nostra regione e alla città che ha vissuto i fasti di Torino 2006. Ogni possibilità di partecipare in qualche modo all'evento a cinque cerchi sembrerebbe essersi chiusa. Nonostante negli ultimi giorni il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, si fosse mostrato disponibile ad aprire un dialogo e a discutere di un'eventuale collaborazione con la prima cittadina Chiara Appendino.

"E' vero che in passato ci sono  stati casi eccezionali in cui il dossier è stato rivisitato - ha però aggiunto il presidene del Coni -, con modifiche di programma, penso per esempio al Giappone. Su questo non posso aggiungere altro. Nella vita tutto può succedere, ma al momento non è previsto". 

Il governatore del Piemonte Alberto Cirio, appoggiato anche da Appendino, proprio nei giorni scorsi si era attivato affinchè il Piemonte potesse rimettersi in gioco, almeno con la messa a disposizione di alcuni impianti. Tra questi in particolare il bob di Cesana e l'Oval di Torino utilizzato nel 2006 per il pattinaggio di velocità su pista lunga. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento