rotate-mobile
Attualità Settimo Torinese

A Settimo Torinese il primo museo interattivo della chimica d'Europa, dove lavorò Primo Levi

Il MU-CH aprirà al pubblico il 1° luglio

A Settimo Torinese arriva il MU-CH, il primo museo interattivo d'Europa dedicato alla chimica. La nuova istituzione museale aprirà al pubblico il prossimo 1° luglio e la scelta della sua sede non è casuale:  troverà infatti spazio nei locali dell'ex fabbrica di vernici Siva, dove Primo Levi lavorò come chimico e direttore di laboratorio dal 1947 al 1975.

Un 'testimonial' d'eccezione

L'autore di "Se questo è un uomo" non nascose mai - ne è testimone il libro autobiografico "Il sistema periodico" - la sua passione per la chimica, campo nel quale fu impegnato tutta la vita. La palazzina uffici dell'ex stabilimento, con un rinnovato e colorato design, si sviluppa su due piani, nasce da un’idea del Comune di Settimo e Fondazione ECM, è progettata dal Gruppo Pleiadi, realizzata da ETT e finanziata dal Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane. 

"Il MU-CH è un punto di arrivo e di partenza - ha spiegato il sindaco di Settimo, Elena Piastra -, il frutto di un lavoro di anni di un'intera Città, che con Biblioteca Archimede e il Festival della Scienza ha rinnovato la propria identità proprio a partire dalla divulgazione scientifica. Ma ci proietta anche nel futuro. MU-CH è un progetto orgogliosamente “made in Settimo” e parla a un territorio vasto,  lungo un fil rouge che unisce la chimica, la figura di Primo Levi e la cultura in generale". 

Render del museo_SalaLettura-2-2

Mostre, esperimenti e attività per i ragazzi

Saranno molte le attività all'interno del museo, soprattutto quelle dedicate a bambini, adolescenti e famiglie in generale: particolare attenzione sarà rivolta alla fascia 4-13 anni, per questo si tratterà di un museo dinamico, ove cimentarsi con gli esperimenti e mettersi in gioco in prima persona. Al piano terra si troveranno reception, bookshop, spazio ristoro, sala conferenze, il C-Lab - laboratorio scientifico per gli esperimenti - e la sala lettura con il planetario. Lo spazio principale sarà quello dedicato alla mostra permanente con 28 exhibit di chimica ed esperimenti – analogici e digitali – che tutti i visitatori potranno provare: l'esposizione sarà divisa in cinque zone dedicate a un argomento differente della chimica, e sarà possibile approfondire attraverso esperimenti e installazioni interattive.

Una stanza peculiare, che rispecchia gli obiettivi e il tono del MU-CH, è il Chemical bar: un American-bar anni ’80 dove al posto di cocktail vengono servite reazioni chimiche. Grazie alla collaborazione con il Centro Levi, che ha appoggiato fin dall'inizio il progetto, si potrà visitare quello che fu l’ufficio di Primo Levi, allestito con video installazioni e alcuni panel per far conoscere la vita e l'opera del grande scrittore e chimico.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Settimo Torinese il primo museo interattivo della chimica d'Europa, dove lavorò Primo Levi

TorinoToday è in caricamento