menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il murales con la spada dedicato a Mishima solleva la polemica: "È violento e rimanda all'imperialismo dell'estrema destra"

L'opera si erge su una parete di 18 metri a Parco Dora

L'opera dedicata allo scrittore giapponese Yukio Mishima che si trova su una parete a Parco Dora, vicino all'area dello skate park, non piace alla forze politiche di sinistra. L'opera, che raffigura il grande sole rosso nascente della bandiera giapponese, trafitto idealmente da una spada di samurai, sembra voler esaltare l'ultimo atto dell'uomo - il suicidio avvenuto nel 1970 - avvenuto in nome della tradizione e dei valori nazionalisti dell'impero del Sol Levante. Uno dei primi a contestare l'enorme murales, il cui benestare per la realizzazione da parte di Angelo Barile è stato dato in Regione, Marco Novello, presidente della Circoscrizione 5:

"Credo che per ricordare una delle maggiori figure della letteratura del 900 questo non sia il messaggio più adeguato. Penso sarebbe stato possibile farlo in altro modo", ha commentato.  

Il grande murales con la bandiera del Sol nascente richiama in qualche modo il militarismo giapponese e coloniale: "Ritengo grave - ha aggiunto Simone Ciabattoni Torino in Comune La Sinistra, della Circoscrizione 4 - che si ricorra ad una simbologia e a messaggi di questo tipo, faziosi e sbagliati, per iniziativa della Regione Piemonte. L'opera in queste ore é in fase di realizzazione  presso il Parco Dora, un luogo simbolo della tradizione operaia della città oggi diventato oggetto di profonda riqualificazione".

Atto violento

Scrittore creativo ma anche filo nazionalista, dunque una figura senza dubbio complessa quella di Mishima. E l'opera dedicata a lui a Parco Dora non sembra aver trovato la giusta modalità e il luogo più adatto a ricordarlo. E' un gesto d'arte, è vero - e l'arte in quanto tale potrebbe anche non essere contestata - ma l'immagine rimanda a un atto violento, in un momento sociale già molto teso e che forse non dovrebbe indurre a "istigazioni". Lo ribadiscono anche in Circoscrizione 4.  

"Nei mesi passati - ha aggiunto - abbiamo presentato diversi atti istituzionali in Consiglio  di Circoscrizione 4 che orientassero le politiche pubbliche in interventi che migliorassero la socialità del territorio e che cercassero una risposta rispetto all'esigenza di maggiori servizi pubblici nel quartiere. Al Parco Dora e aree limitrofe serve un luogo di aggregazione, una scuola e un poliambulatorio non messaggi che osannano la lotta imperialista. Sia chiaro, é legittimo che si organizzi un approfondimento storico, letterario-culturale di Mishima  proprio per evitare che venga ricordato unicamente per il suo ultimo gesto di spada e che venga strumentalizzato dall'estrema destra per veicolare messaggi militaristi e nazionalisti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento