Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità parco Dora

Parco Dora, il murales per dire no alle molestie verbali nei confronti delle donne

L'opera è dell'artista torinese Alice Arduino

C'è un nuovo murales a Parco Dora. Questa volta però si tratta di un'opera di denuncia, contro le molestie 'verbali' che le donne spesso sono costrette a subire per strada. Il cosiddetto 'cat calling', di cui ultimamente si parla sempre più spesso, è al centro dei disegni di street art dell'artista torinese Alice Arduino che ha scelto i muri di Parco Dora, un luogo molto frequentato da giovani e adulti per fare sport e trascorrere il tempo libero, per sensibilizzare sul tema.

"My clothes are not my consent. My body, my rules, my choice #NoCatcalling" ("I miei vestiti non autorizzano il mio consenso. Il mio corpo, le mie regole, le mie scelte. No alle molestie di strada"): questo recita lo slogan che accompagna l'opera, una donna stilizzata con tanti capelli, che ricorda un po' una bambola di pezza. Come è vista cioè da alcuni uomini, considerato l'approccio nei suoi confronti, spesso sfacciato e volgare.  

Alice Arduino esprime dunque il suo dissenso attraverso il disegno: "Non chiamiamo i commenti a sfondo sessista per strada o al lavoro 'complimenti' - specifica l'artista - . I complimenti sono quelli fatti in luoghi appropriati, con educazione, volti a un interesse verso una donna, alla sua testa, talento e alla sua persona. Non c'è nulla di male nel dire a una donna che è bella, ma è necessario che vi sia confidenza e che lei mostri attenzioni e soprattutto consenso verso l'interesse che un uomo le pone. Se non è ricambiato, se fatto per strada verso una sconosciuta che cammina o nel peggiore dei casi diventa un approccio insistente con battute sessuali, è molestia".
L'opera, ripresa in un video grazie al "Progetto Maps", comparirà in un documentario che racconterà Parco Dora al Festival CinemAmbiente di Torino. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Dora, il murales per dire no alle molestie verbali nei confronti delle donne

TorinoToday è in caricamento