rotate-mobile
Attualità Cavoretto / Viale XXV Aprile

Le multe a Cavoretto erano un errore, il divieto di sosta non c'è: lo dice un'ordinanza del 2001

La segnaletica verrà presto corretta

Quelle multe non erano da fare. Nell'ultimo mese a Cavoretto, lungo viale XXV Aprile, sono state comminate agli automobilisti, dagli ausiliari del traffico e dai vigili, decine di sanzioni, ma pare che quel tratto di 120 metri in realtà sia adibito a parcheggio e non esista alcun divieto di sosta. Così dice un'ordinanza del 2001, che da allora a oggi non è mai stata cambiata. Sembra che a confondere gli addetti 'alle multe' sia stata la striscia bianca disegnata lungo il marciapiede, che secondo la segnaletica, vieta la sosta dei veicoli.

Una striscia tracciata evidentemente per errore anni fa che ha tratto in inganno il personale Gtt e la polizia locale. Ma il testo dell'ordinanza parla chiaro: lungo viale XXV Aprile si può parcheggiare e ora la segnaletica sarà modificata. A far luce sulla questione, in seguito a una petizione presentata in comune da alcuni cittadini che hanno lamentato le multe eccessive, Massimiliano Miano, vice presidente della Circoscrizione 8 di Torino. 

"Nei giorni scorsi - ha spiegato Miano -, leggendo su Facebook la petizione lanciata da un cittadino cavorettese e sollecitato al riguardo dall'amico Roberto Passadori, ho voluto approfondire la questione della sosta "irregolare" su viale XXV Aprile. Consultando il codice della strada e i vari atti redatti nel tempo dall'amministrazione comunale, riguardanti Cavoretto, è emerso ciò che pensavo: la sosta sul viale è regolamentata da un'ordinanza del 2001. Nei prossimi giorni - ha concluso - sarà cancellata la linea continua, verrà tracciata la nuova segnaletica orizzontale e installata la nuova palina che indicherà la sosta in linea". Ora gli automobilisti sanzionati, prevalentemente residenti o commercianti in zona, presentando ricorso, avranno buone possibilità di vedere annullata la multa.  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le multe a Cavoretto erano un errore, il divieto di sosta non c'è: lo dice un'ordinanza del 2001

TorinoToday è in caricamento