Sabato, 23 Ottobre 2021
Attualità San Donato / Corso Umbria, 34

Islam, tre nuove moschee a Torino ma la burocrazia rallenta tutto

E intanto è iniziato il Ramadan

Mentre oggi, 16 maggio, prende il via il Ramadan, in futuro, in città, si parla della realizzazione di tre nuove moschee anche se al momento, tutto è fermo per motivi burocratici. Nel magazzino di via Monte Rosa 20, in Barriera di Milano, per esempio sarebbero già iniziati i lavori di ristrutturazione e, per l'acquisto della moschea, è addirittura stata attivata una raccolta fondi da parte dei fedeli. E si parla anche dei locali, chiusi dai vigili lo scorso novembre, situati in corso Umbria, all'angolo con via Aquila, dove una volta c'era un magazzino di materiali edili, e dove avrebbe sede - così come risulta da quello che c'è scritto sul citofono - l'Associazione di promozione sociale Biladi.

Non è ancora dato sapere invece dove potrebbe sorgere il terzo luogo di preghiera per i fedeli di religione musulmana. In ogni caso tutto ora è fermo poiché le pratiche risultano essere viziate da un "iter autorizzativo non perfetto". In questi spazi, i cui lavori di ristrutturazione sono finalizzati alla realizzazione di centri culturali, non sarebbe consentito svolgere attività relative alla preghiera e al culto, per cui servirebbero ulteriori autorizzazioni.

Il 27 maggio intanto torna a Torino "Moschee aperte", iniziativa promossa dalla Città di Torino e dai centri islamici firmatari del Patto di condivisione. Sono previsti, come ogni anno, l'apertura dei luoghi di cultura e religione musulmana a cittadini e cittadine, promozione di eventi, discussioni, dibattiti e riflessione, cena di Iftar, ovvero la rituale rottura del digiuno al calar del sole durante il Ramadan, insieme a tutti e a tutte coloro che accoglieranno l’invito recandosi in una delle moschee aderenti all’iniziativa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Islam, tre nuove moschee a Torino ma la burocrazia rallenta tutto

TorinoToday è in caricamento