rotate-mobile
Attualità

Morto uno dei giovani ucraini malati di cancro arrivati a Torino, domenica la Regione ne porterà altri 10

All'ospedale Regina Margherita al momento ce ne sono ricoverati 12

Nella giornata di ieri, giovedì 17 marzo 2022, è deceduto uno dei giovani pazienti oncologici ucraini trasferiti in Italia due settimane fa. Aveva 17 anni e fin da subito le sue condizioni erano gravissime, essendo la malattia in fase terminale, e si era dovuto ricoverarlo nel reparto di rianimazione dell'ospedale Regina Margherita. Gli altri 12, dopo essere stati stabilizzati nei primi giorni, continuano la fase di trattamento delle terapie. "La direzione aziendale è vicina alla famiglia in questo momento di immenso dolore", si legge in una nota.

Intanto domenica 20 la Regione Piemonte tornerà al confine con l'Ucraina per salvare altri bambini malati di cancro. Lo ha annunciato il governatore Alberto Cirio, a margine della cerimonia di questa mattina per il conferimento del Sigillo della Regione al Milite Ignoto. Le cartelle cliniche già all'esame dei medici piemontesi sono dieci, ma il numero dei bambini potrebbe ancora salire.

"Noi dobbiamo condannare, fare gesti simbolici che fanno riflettere - ha affermato Cirio - ma poi dobbiamo anche essere operativi. Questo è il motivo per cui ancora oggi, come tutti i giorni, insieme al Coordinamento emergenza profughi qui in Piemonte lavoreremo con i prefetti, i sindaci e le amministrazioni locali per l'accoglienza. Ma soprattutto domenica mattina torniamo all'aeroporto di Iasi, in Romania, dove andremo a salvare altri bambini ucraini malati di tumore, dopo quelli che abbiamo già recuperato. Grazie all'aereo messo a disposizione dalla Fondazione Lavazza e da Reale Mutua porteremo questi bambini a Torino con le loro famiglie per curarli all'ospedale infantile Regina Margherita. Saranno bambini che dormiranno in un letto anziché in un sottoscala, e che ci resteranno invece di venire staccati dalle macchine per essere portati nelle cantine degli ospedali ucraini quando suonano le sirene".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto uno dei giovani ucraini malati di cancro arrivati a Torino, domenica la Regione ne porterà altri 10

TorinoToday è in caricamento