Addio al sorriso contagioso di Massimo il barista, lo piangono in tre località

Morto per un malore

Massimo Tasso aveva 63 anni

Tre diverse località piangono, in questi giorni, Massimo Tasso, barista collegnese morto a 63 anni per un malore il 3 aprile 2019. I suoi funerali sono stati celebrati sabato 6 nella parrocchia di San Giuseppe, in via Venaria nel quartiere Oltredora.

Tasso era conosciutissimo soprattutto a Collegno, dove aveva gestito il bar Dora di via Roma, nel centro cittadino, per oltre 20 anni, dal 1979 al 2001, insieme al fratello Mario. Il locale è stato ritrovo, soprattutto per le colazioni e gli aperitivi, per almeno due generazioni di collegnesi.

Successivamente era passato al Fahrenheit di via Cavour ad Alpignano, mentre negli ultimi anni gestiva insieme alla compagna Irene il wine-bar Il Louvre di corso Moncenisio a Sant'Ambrogio di Torino.

A piangere Massimo Tasso, oltre alla compagna Irene e al fratello Mario, sono anche l'ex moglie Maura e i due figli, Rodolfo e Giacomo. Tutti hanno vissuto sempre in assoluta armonia, facendo scelte e prendendo decisioni insieme.

E naturalmente a salutarlo c'era un gran numero di amici che ricordano soprattutto "il suo sorriso contagioso".

Potrebbe interessarti

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

  • Peperoncino: tutti i rimedi al bruciore

  • Cantinetta del vino, come sceglierla: modelli e costi

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

  • Rimane appesa alla ringhiera del balcone poi cade nel vuoto: ragazza in gravi condizioni

Torna su
TorinoToday è in caricamento