La natura si riprende la città: il primo esperimento europeo a Mirafiori Sud

Sulle sponde del Fiume Sangone

Si chiama new soil. E' un terreno rigenerato fertile e adatto alla coltivazione. Si tratta di un substrato terroso artificiale, frutto della combinazione tra materiale di scarto (terreno, privo di contaminanti, proveniente dai lavori di scavo in città), sostanza organica derivante dal compostaggio di materiali vegetali e rifiuti umidi prodotti al Polo Ecologico Acea di Pinerolo, biostimolanti e supporti inerti adsorbenti.

Attualmente, proprio a Torino, nel quartiere di Mirafiori Sud, sulle sponde del Fiume Sangone, in un'area complessiva di circa 1.500 metri quadri, è in corso la sperimentazione del new soil.

E' il primo progetto europeo proGIreg (Productive Green Infrastructure for Post-industrial Urban Regeneration) che vede proprio Torino unica città italiana coinvolta e protagonista nella fase di sperimentazione sul campo.

In questo esperimento è direttamente impegnata una rete pubblico – privata composta da Città di Torino, Environment Park, Dual Srl, Università degli Studi di Torino, Acea Pinerolese e la CCS Aosta. 

L'obiettivo del progetto europeo proGireg è quello di riconvertire le aree post industriali delle grandi città in infrastrutture verdi, da donare alla comunità, attraverso sperimentazioni di tecnologie nature based.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

Torna su
TorinoToday è in caricamento