Attualità

Da oggi mascherine obbligatorie anche all'aperto: più controlli a Torino

Aumentano i download di Immuni, la app che traccia i contagi

Era già nell'aria ma ora l'obbligo di mascherina all'aperto è effettivo. A partire da oggi, giovedì 8 ottobre, il nuovo decreto anti contagio dà un'ulteriore stretta. La mascherina si dovrà portare ovunque: "in tutti i luoghi all'aperto ad eccezione dei casi in cui sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento da altre persone"; resta l'obbligo ovviamente sui mezzi pubblici, nei negozi e negli uffici; nei bar e nei ristoranti quando si entra e si esce. Vicino alle scuole in Piemonte, all'entrata e all'uscita, era già stata resa obbligatoria da un'ordinanza della Regione. Non è obbligatorio presso la propria abitazione anche se si consiglia di utilizzarla nel caso in cui si ricevano ospiti, rispettando sempre le regole di distanziamento.  

Multe salata per i trasgressori

Restano comunque esclusi dall'obbligo i bambini di età inferiore ai 6 anni, i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina e coloro che devono interagire con essi, chi sta svolgendo attività sportiva.  I controlli in questi giorni verranno intensificati per le strade di tutta Italia, dunque anche a Torino dove per la verità, soprattutto dall'aumento recente dei numeri dei contagi, la gente spesso già la indossa. Da oggi è comunque vietato circolare senza avere naso e bocca coperti, e le multe saranno salate: dai 400 ai 1000 euro. 

Scaricare Immuni

Il timore per i contagi che salgono e gli appelli di istutizioni e media hanno fatto salire in questi giorni i download di Immuni, la app per tracciare i positivi. L'applicazione per tablet e smartphone è già stata scaricata da oltre 7 milioni e 400mila italiani, un balzo di 350mila negli ultimi tre giorni: il 20% dei dispositivi che ci sono nel nostro paese. A partire dal 17 ottobre Immuni dialogherà con le sue omologhe in Europa.

L’app lanciata in tutta Italia a giugno è gratuita e volontaria e funziona con il bluetooth che garantisce l’anonimato."È un obbligo morale scaricarla", ha detto nei giorni scorsi il premier Giuseppe Conte, lanciando la campagna di sensibilizzazione per scaricare l'applicazione. L’app richiede la presenza almeno di Android 6 o iOs 13.5. Significa che sono esclusi i modelli come l’iPhone 6 e precedenti o Android precedenti al 2015. Niente Immuni quindi per esempio su Samsung Galaxy S4, S3 e LG G2, per citare alcuni modelli famosi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da oggi mascherine obbligatorie anche all'aperto: più controlli a Torino

TorinoToday è in caricamento