Attualità Aurora / Lungo Dora Firenze

Maria Adelaide, la Regione tenta il compromesso: sì alla Casa di Comunità, ma senza fondi PNRR

Su 15.000 metri quadri, 1.000 verranno destinati alla vocazione socio assistenziale

Sul Maria Adelaide la Regione Piemonte cerca il compromesso: non verrà inserito tra le Case di Comunità finanziate con il PNRR, ma 1.000 metri quadri della struttura verranno destinati per creare uno spazio socio assistenziale. A ribadirlo è stato Giovanni La Valle, direttore generale della Città della Salute e della Scienza di Torino, durante la seduta della IV Commissione del consiglio comunale di Torino. 

La Regione Piemonte, ha spiegato La Valle, intende vincolare l'utilizzo di 1.000 metri quadri dell'ex ospedale per creare una Casa di Comunità, mentre il resto dello spazio (14.000 metri quadri) della struttura verrà destinato alla realizzazione di uno studentato in vista delle Universiadi di Torino del 2025. 

"Continuiamo a chiedere che il Maria Adelaide sia inserito tra i fondi del PNRR sanità, non ci basta che la Regione si impegni a intervenire sul Maria Adelaide dopo perché questo è insufficiente", spiega l'assessore al welfare del Comune di Torino, Jacopo Rosatelli, "Le risorse del PNRR sono ora, certe e significative mentre in futuro non potremo sapere di quali risorse disporremo. Quindi chiediamo all'assessore Icardi e alla maggioranza regionale di cambiare idea e di inserire il Maria Adelaide come Casa di Comunità dentro il PNRR". 

"Il tempo per farlo è poco. La Regione deve decidere a breve perché poi il dossier deve passare al Governo nazionale che dovrà riferire all'Unione europea", continua Rosatelli, "Chiediamo che venga ascoltata la voce del consiglio comunale e della settima Circoscrizione". 

"Mille metri quadri sono quel che prevede il PNRR per le Case di Comunità. Noi pensiamo sia una buona base di partenza e pensiamo che vada conservata anche la vocazione alla riabilitazione, quello è un sito dove questi spazi devono essere messi a nuovo e riportati in vita all'utilizzo del territorio e non solo di quel territorio. La palestra di 400 metri quadri fa parte di questa vocazione che deve essere conservata", ha concluso Rosatelli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maria Adelaide, la Regione tenta il compromesso: sì alla Casa di Comunità, ma senza fondi PNRR
TorinoToday è in caricamento