Venerdì, 30 Luglio 2021
Attualità

No Tav, torna a marciare il popolo contrario alla Torino-Lione

L'obiettivo è manifestare solidarietà agli attivisti che presto finiranno in carcere

"Scendiamo in marcia tutti insieme perché liberare tutte e tutti vuol dire lottare ancora! Libertà per Nicoletta, Stella, Dana, Francesca, Mattia, Luca, Giorgio, Mattia, Maurizio, Aurelio, Michele, Paolo, Massimo, Fabiola!"

Il popolo No-Tav si rimette in marcia e lo annuncia sui social. L'appuntamento, come un anno fa, è l'8 dicembre, una data simbolica poichè legata all'anniversario degli scontri che ci furono nell'area del cantiere di Venaus, durante lo sgombero, nel 2005. L'obiettivo è quello di manifestare solidarietà alla ventina di compagni e compagne condannati per gli episodi legati alle passate iniziative di proteste in Valle. Per loro si apriranno infatti le porte del carcere.

Il percorso, che prenderà il via alle 13 da Susa, è uno dei classici battuti negli anni, più volte, dagli attivisti, in direzione Venaus. L'orario di ritrovo per tutti coloro che vorranno partecipare alla marcia è fissato alle 12 al Ponte Briancon, sulla statale 24.

Ci sarà l'Unione Montana Valle di Susa: è quanto deciso ad ampia maggioranza dall’Assemblea dei sindaci molti dei quali interverranno in forma ufficiale per ribadire la contrarietà alla realizzazione dell'opera. Anche la Fiom Cgil di Torino e del Piemonte hanno reso noto che parteciperanno alla marcia No Tav di domenica: " Come da sempre sosteniamo, si tratta di un’opera che si rivelerà inutile e superata, che drena e drenerà enormi risorse pubbliche".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Tav, torna a marciare il popolo contrario alla Torino-Lione

TorinoToday è in caricamento