Attualità Cavoretto / Piazza Zara

Il Banksy torinese omaggia Raffaella Carrà: i manifesti con il caschetto biondo in giro per Torino

"La sua opinione e la sua visibilità hanno contribuito a portare alla luce temi importanti"

La morte di Raffaella Carrà ha colpito tutti, anche Andrea Villa, il Banksy torinese che ha voluto omaggiarla con alcuni manifesti in suo onore. In piazza Zara e in corso Galileo Galilei a Torino, ha fatto la sua comparsa, su una sagoma senza volto su cui spicca un cuore al posto delle labbra, metà rosso e metà 'lgbtqi', l'inconfondibile caschetto dorato. 

Un personaggio quello della Carrà che è sempre stato 'avanti' e senza preconcetti e che non a caso diventato anche icona gay, anzi icona assoluta di libertà. 

"Non amo fare 'funeral art' sul morto del momento - ha commentato l'artista - , ma in questo caso ho voluto realizzare questo manifesto poiché Raffaella Carrà è stata uno dei primi personaggi pubblici italiani che ha portato il dibattito lgbtqia nel pop e nei Mass media, ha portato la questione di genere e l' emancipazione femminile in Rai quando il delitto d' onore era ancora legale, ed è per questo che ho voluto omaggiarla". 

Raffaella Carrà ha unito mille sensibilità 

Raffaella Carrà, figura dai tanti volti e talenti, con le sue canzoni, la sua danza e la sua allegria, ha saputo unire mille sensibilità guardando tutti allo stesso modo. 

"Nonostante la maggior parte della produzione performativa della Carrà sia stata spensierata e apolitica - ha proseguito Villa - , la sua opinione e la sua visibilità hanno fatto molto per portare alla luce temi importanti in un paese avulso dalle questioni di genere. A volte per fare una rivoluzione non servono grandi battaglie, basta decidere di dire la cosa moralmente giusta in un mondo moralmente ingiusto"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Banksy torinese omaggia Raffaella Carrà: i manifesti con il caschetto biondo in giro per Torino

TorinoToday è in caricamento