Val di Susa, tornano i No Tav davanti ai cancelli del cantiere di Chiomonte

Il giorno prima l'aperitivo solidale di fronte all'abitazione di Nicoletta Dosio

Finito il lockdown, ripartono anche i No Tav. Ieri, venerdì 12 giugno, in Val di Susa, un gruppo di attivisti si è ritrovato all'ora "dell'apericena" a Chiomonte per dare vita a una 'battitura' della cancellata che delimita l'area del cantiere.

"Dopo i mesi del lockdown - si legge in una nota diffusa sui social - il movimento ricomincia a rodare la quotidianità di lotta in vista dell'estate". Gli attivisti si erano anche dati appuntamento, il giorno prima, davanti all'abitazione di Nicoletta Dosio, agli arresti domiciliari, per un aperitivo solidale organizzato dalle "Fomne No Tav". 

"Mentre il governo e la politica dei palazzi - riporta il comunicato - pensano di rilanciare l'economia attraverso il solito piano di grandi opere inutili, dimostrando di non aver capito nulla della pandemia, e Confindustria e Telt chiedono a gran voce la "sburocratizzazione" del TAV, il movimento inizia a confrontarsi, discutere ed attivarsi di fronte alle nuove sfide della fase".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento