Oliviero Toscani e la frase choc sul Ponte Morandi, il sindaco di Pinerolo: "Sospendete la sua mostra al castello"

L'esposizione di Toscani al Castello di Miradolo è in programma fino a maggio

Luca Salvai, sindaco di Pinerolo

A Luca Salvai, sindaco di Pinerolo, come a molte altre persone, le parole di Oliviero Toscani all'irriverente talk show di Rai Radio 1 sulle vittime del Ponte Morandi, non sono andate giù. E ora il primo cittadino prende provvedimenti. Chiederà che la mostra del celebre fotografo, in corso al Castello di Miradolo a San Secondo di Pinerolo, venga sospesa. 

A scatenare l'inferno l'uscita infelice del fotografo nell'ambito della trasmissione radiofonica "Un giorno da pecora": "A chi interessa che caschi un ponte? Su, smettiamola...", a proposito delle polemiche scatenate dalla fotografia che ritrae Luciano Benetton con i fondatori delle Sardine, al centro culturale fondato dai Benetton e Toscani. 

"Le parole di Toscani mi lasciano basito - scrive Salvai in un post su Facebook - .Una Città che appena un anno e mezzo fa ha pianto 4 vittime rimaste uccise in quella tragedia, non può tollerare affermazioni del genere. Esprimo tutta la mia personale solidarietà ai famigliari di Andrea, Claudia, Camilla e Manuele, nonché al Sindaco di Genova, che già si è espresso oggi sull'accaduto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In realtà Toscani ha espresso le sue scuse dopo quelle parole. Scuse che però non sono state accolte. Infatti Salvai non si limita a "rimanere basito" ma agisce e lo annuncia sul web: "Allo stesso modo ritengo che una Città non possa ospitare una mostra di Oliviero Toscani dopo queste affermazioni - scrive -. Domani (oggi, giovedì 6 febbraio, ndr), invierò lettera formale alla Fondazione Cosso chiedendo di sospendere la mostra: l'arte, così come la cultura, la musica, lo sport, il fare impresa, non possono ignorare quella "responsabilità sociale" che ciascuno di noi, nel nostro fare quotidiano, è chiamato a perseguire. Pare che in serata il noto fotografo abbia chiesto scusa. Scuse respinte. A me interessa. A Pinerolo interessa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Piemonte centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (tranne gli alimentari)

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Incidente a Torino, auto finisce contro un palo: morta donna dopo l'urto violento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento