Luca Argentero furioso con i settimanali Chi e Oggi: sulle loro pagine le foto della figlia, senza permesso

L'attore torinese e la compagna si sfogano sui social

Luca Argentero e Cristina Marino, frame @Instagram

L'attore torinese Luca Argentero e la compagna, l'attrice Cristina Marino non hanno apprezzato le foto della figlia pubblicate su due noti settimanali. Molto riservati sulla loro vita privata, sono andati su tutte le furie dopo aver visto le immagini di Nina Speranza, nata lo scorso maggio, su Chi e Oggi senza alcuna autorizzazione. 

La rabbia dei due neo genitori

Sul profilo Instagram di Cristina si legge: "Ci tenevamo a condividere con voi un accaduto molto spiacevole che ci porta ad essere schifati e indignati. Sono parole forti ma è quello che proviamo. Ancora una volta Nina è stata pubblicata in maniera molto esposta e irresponsabile su un giornale". L'attore torinese aggiunge: "Un paio di settimane fa da Chi e questa settimana da Oggi, è stata schiaffata Nina. La premessa è che ci sono cose più gravi in questo momento nel mondo, ma è grave tutto ciò che ti tocca da vicino e questa cosa ci tocca molto da vicino. Avevamo deciso di evitare a Nina una esposizione pubblica". 

Luca Argentero contro i due direttori

"Ma soprattutto - continua Cristina, arrabbiatissima - avevamo deciso di fare come ca*** ci andava di fare. Da madre e da padre ci sentiamo legittimati a fare quello che ritenevamo giusto e idoneo per nostra figlia". Luca Argentero poi non usa mezzi termini: "I due direttori, Alfonso Signorini per Chi e Umberto Brindani per Oggi, hanno deciso di rendere pubblica la faccia di nostra figlia, non oscurandola in modo adeguato". Cristina Marino rincara la dose: "Temo che siano male informati su cosa è giuridicamente corretto e legale e cosa no, ma quello lo vedremo in altre sedi. Per essere in legge, il viso di un minore non è che deve avere due pixelini, non deve essere riconoscibile. Invece Nina lo è". 

Interviste rubate

Argentero oltre alla faccenda delle foto, accusa i due settimanali di aver utilizzato alcune loro dichiarazioni mai rilasciate: "Siamo stati privati del diritto di poter decidere se pubblicare nostra figlia o no - tuona ancora l'attore - Le interviste sono rubate, un articolo non concordato, vengono presi virgolettati di altre interviste, che riguardano Doc e rapporti con un'altra azienda. Insomma, mi sembra un vero e proprio piccolo furto".

La decisione di mostrare Nina

E alla fine dello sfoto è arrivata la decisione dei due genitori di mostrare Nina, finora apparsa sui loro profili social in pochissime foto e mai ripresa in viso. "Abbiamo capito perché tanti personaggi pubblici scelgono di postare i loro figli - dice Cristina Marino - forse per evitare ci sia un accanimento in questo senso. Per questo vi presentiamo la piccola Nina, sperando che vi venga voglia di comprare una copia in meno di questi giornaletti". E aggiungono: "Condivideremo con voi un po' di più per evitare che ci sia questo accanimento e ci sia una sorta di lucro su una minore. Speriamo davvero possiate capire la nostra rabbia e fare in modo che questo accada sempre meno". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento