Attualità Brandizzo

Stop al reddito di cittadinanza senza dare nulla in cambio: a Brandizzo diventa obbligatorio dare una mano

Partono i progetti utili alla collettività

Immagine di repertorio

Basta percepire il reddito di cittadinanza senza fare nulla in cambio. L'iniziativa arriva da Brandizzo dove, a partire da settembre 2021, per i beneficiari del sussidio scatterà l’obbligo di svolgere i cosiddetti progetti di pubblica utilità. Il Comune si è adeguato a quanto previsto dal decreto del ministero del lavoro pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’8 gennaio 2020, che impone ai beneficiari del di offrire la propria disponibilità per la partecipazione a progetti utili alla collettività nel comune di residenza. La mancata adesione comporta la perdita del reddito di cittadinanza.

A darne notizia è stato lo stesso sindaco di Brandizzo, Paolo Bodoni, con un post sulla sua pagina Facebook: "Dopo un periodo di pressioni da parte dei Comuni del Consorzio socioassistenziale di Chivasso (di cui fa parte anche Brandizzo), partono i Puc, progetti utili alla collettività, per le persone che percepiscono il reddito di cittadinanza. Pulizia strade, piccole manutenzioni del patrimonio comunale, insomma facciamo partire la macchina di inclusione sociale e di restituzione del bene ricevuto in termini di risorse da parte di tutta la Comunità. Chi non aderisce o chi non si presenta a svolgere la mansione assegnata, perderà il diritto a ricevere il reddito di cittadinanza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop al reddito di cittadinanza senza dare nulla in cambio: a Brandizzo diventa obbligatorio dare una mano

TorinoToday è in caricamento