Il gufo salvato dalle acque del fiume non può più volare, ma resterà "in pensione" in un'oasi protetta

E' stato curato dai veterinari del Canc

Non è più in grado di procacciarsi il cibo da solo il gufo reale recuperato a marzo dai carabinieri forestali nelle acque del rio Rocciamelone a Bussoleno. Dunque, trascorrerà il resto della sua esistenza nell’Oasi degli Animali di San Sebastiano da Po, struttura protetta, convenzionata con la Città Metropolitana di Torino. Il rapace quando è stato trovato aveva una paresi agli arti posteriori e versava in un grave stato di disidratazione, ma è stato curato dai veterinari del Canc, il Centro Animali Non Convenzionali della Struttura didattica speciale Veterinaria dell’Università degli Studi di Torino.

Grazie alle terapie mirate oggi si è ripreso ma risulta avere una ridotta potenza alare e fa fatica a mantenersi eretto. Purtroppo i medici non lo ritengono più in grado di volare e ne hanno quindi consigliato il ricovero in una struttura adatta a consentirgli di sopravvivere senza doversi procurare il nutrimento.

Quello del gufo recuperato a Bussoleno è uno dei numerosi casi di recupero e riabilitazione parziale o totale di animali in difficoltà realizzati nell’ambito del progetto “Salviamoli Insieme”. La collaborazione tra la Funzione specializzata Tutela della Fauna della Città Metropolitana e la Struttura didattica speciale Veterinaria dell’Università rende possibile il soccorso sanitario e la cura degli animali selvatici ritrovati in condizione patologica o feriti e i successivi interventi riabilitativi. I sanitari del Canc di Grugliasco, esperti in materia, curano ogni anno oltre 3000 animali selvatici rinvenuti in difficoltà e recuperati da privati cittadini o dagli agenti faunistico-ambientali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento