Guanti e mascherine gettati a terra: l'inciviltà ai tempi del Coronavirus

Un danno enorme per l'ambiente e se infetti, per la salute altrui

L'emergenza sanitaria da Coronavirus in queste settimane ha fermato tutto, ma non la maleducazione. Sono molte le segnalazioni da parte dei cittadini, negli ultimi giorni, relative ai ritrovamenti per strada di guanti monouso, fazzoletti di carta, flaconi di disinfettante vuoti e mascherine usate gettati via da chi evidentemente non ha ancora ben chiaro quali siano le regole base della convivenza civile. Se la nettezza urbana in questo periodo ha raccolto meno mozziconi di sigarette e cartacce, per via del lockdown forzato della cittadinanza, ora, suo malgrado, deve avere forzatamente a che fare con questo nuovo tipo di spazzatura.

Non si contano più a bordo strada, sui marciapiedi, nei corsi d'acqua, nelle aiuole dei giardini e soprattutto nei parcheggi e nei carrelli dei supermercati, i "nuovi rifiuti da Coronavirus" abbandonati: un fenomeno che si sta diffondendo sul territorio di Torino e provincia e che, facendo qualche ricerca, è già purtroppo conosciuto a livello globale, nelle altre regioni italiane e nei paesi coinvolti dalle restrizioni dovute all'emergenza sanitaria. 

Plasmix, lattice, poliestere, polipropilene: cumuli di materiali non recuperabili e “sporchi” che daranno un colpo di grazia all’ecosistema e che, se infetti, possono contaminare e diventare pericolosi per la salute altrui. L'Istituto Superiore di Sanità (Iss) ha già chiarito come smaltire i presidi anti infezione: è bene infatti avvolgerli in due o tre sacchetti per essere certi che nulla fuoriesca, chiuderli bene e poi gettarli nell'indifferenziata. 

I cittadini che soprattutto sui social segnalano questa ormai usuale e vergognosa pratica, chiedono sanzioni e punizioni severe per chi abbandona i dispositivi di protezione individuale in giro. E ammonimenti arrivano anche da Legambiente: "Si smetta immediatamente con la pratica di gettare per terra questi presidi sanitari - è sottolineato in una nota - Quand’anche non infetti, vanno sigillati in sacchetti dedicati e smaltiti nell’indifferenziato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E sembra assurdo doverlo sottolineare ma di questi tempi è bene farlo, se ci si trova in giro senza avere un bidone della spazzatura a tiro, va da sè che è bene conservarli per poi buttarli appena è possibile in un apposito contenitore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Omicidio-suicidio: uccide la moglie che si stava separando da lui e poi se stesso

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Suv impazzito travolge cinque pedoni davanti a un déhors: morta una donna

  • Blocchi auto per 37 comuni dal 1 ottobre 2020: varato il regolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento