Attualità Ivrea / Via Amedeo di Castellamonte, 1

Non entra senza il greenpass e minaccia: "Vi rovino sui social". Ma alla pizzeria di Ivrea arrivano migliaia di messaggi di solidarietà

"Lo abbiamo ripagato con la stessa moneta"

La pizzeria Capri di via Amedeo di Castellamonte a Ivrea

L'entrata in vigore del green pass (qui la nostra guida) a partire da venerdì 6 agosto 2021 sta naturalmente cambiando le regole della ristorazione: per coloro che non lo hanno l'unica scelta è sedersi all'aperto, per i locali che sono dotati di apposite aree, oppure di ordinare cibo da asporto. Per i ristoratori non è una scelta, trattandosi di un provvedimento con forza di legge. E se a Torino un bar ha scelto, "per non discriminare nessuno", di chiudere tout-court il servizio di somministrazione all'interno, pressoché la totalità degli esercizi si è adeguata alle nuove norme. Molti di questi, però, sono stati presi di mira sui social da no vax e negazionisti di sorta, che li hanno accusati, chi più chi meno, di essere dei codardi nell'accettare le norme imposte dall'alto.

Nella serata di sabato 7 agosto, però, si è verificato un episodio che va oltre questo. Alla pizzeria Capri di via Amedeo di Castellamonte a Ivrea un cliente no vax, vistosi negare l'accesso perché sprovvisto del certificato verde, ha minacciato i titolari che "li avrebbe rovinati sui social" pubblicando recensioni negative, dopodiché è rientrato nel locale mostrando il post che aveva pubblicato. Paradossalmente per lui, però, questo non ha avuto l'effetto sperato, visto che il ristorante ha immediatamente incassato migliaia di messaggi di solidarietà, compresi quelli di sindaci e amministratori di comuni del vicinato.

Come se non bastasse, il profilo Facebook della pizzeria ha pubblicato a sua volta i messaggi minacciosi del negazionista ("Abbiamo pensato di ripagarlo con la stessa moneta!", scrivono i titolari), ottenendo ulteriori consensi e ulteriosi stigmatizzazioni del comportamento del cliente. Che, però, hanno annunciato gli stessi titolari, non verrà querelato perché "non è il nostro stile". Oltre ai messaggi di solidarietà, la pizzeria Capri ha anche accumulato diverse promesse di persone che hanno annunciato che, dato che rispetta le regole e ha avuto il coraggio di battersi contro chi non lo fa, presto si recheranno a cena lì.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non entra senza il greenpass e minaccia: "Vi rovino sui social". Ma alla pizzeria di Ivrea arrivano migliaia di messaggi di solidarietà

TorinoToday è in caricamento