rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Attualità

A Torino il summit degli esperti di malattie del cuore: 60mila persone ogni anno muoiono improvvisamente

Si parlerà delle cure del futuro

Tecnologia, innovazione, Intelligenza Artificiale e una medicina sempre più personalizzata saranno i temi cardine delle 33° Giornate Cardiologiche Torinesi che si terranno giovedì 4 e venerdì 5 novembre. L’evento, organizzato dai reparti di Cardiologia, Cardiochirurgia e Chirurgia Vascolare della Città della Salute e della Scienza di Torino, riunirà i più autorevoli esperti di cardiologia a livello mondiale per discutere del futuro della cura e della ricerca sulle patologie cardiovascolari. 

In Italia le malattie cardiovascolari continuano a rappresentare la principale causa di morte essendo responsabili del 34,8% dei decessi (circa 230.000 ogni anno). Secondo i dati Istat 2018 la cardiopatia ischemica causa il 9,9% delle morti mentre l’8,8% è rappresentato dagli attacchi cerebrovascolari. Il trend di prevalenza di tali patologie nella popolazione italiana è in continua crescita e si abbassa sempre più l’età di insorgenza delle stesse. 

Si stima che ogni anno in Italia siano circa 60.000 i casi di morte improvvisa, l’85% dei quali hanno origine cardiaca. Nel 40% dei casi il primo sintomo di questo evento è proprio la morte improvvisa, che si manifesta come perdita di coscienza. Nel 30% dei casi il paziente si riprende da solo o aiutato dall’esterno, mediante manovre di rianimazione. L’alleato su questo fronte è l’elettrocardiogramma: proprio a Torino è stato scoperto recentemente un nuovo marker elettrocardiografico che permette di comprendere se il cuore del soggetto è stato colpito da un’infiammazione (miocardite) che ha determinato una morte (fibrosi) delle cellule cardiache: uno dei casi che possono fare da substrato alla morte improvvisa.

"Siamo di fronte a quella che definirei l'alba di una nuova era per la cardiologia grazie all’apporto sempre più determinante dell’Intelligenza Artificiale e della tecnologia che si pongono al fianco dello specialista come alleati indispensabili nel suggerire e nell’offrire prestazioni sanitarie migliori e meno invasive", spiega Gaetano Maria De Ferrari, presidente delle 33° Giornate Cardiologiche Torinesi, "La cardiologia del futuro sarà quindi basata su un approccio terapeutico sartoriale, calibrato sul singolo paziente e sulle sue caratteristiche, abbandonando l’approccio “one size fits all” che abbiamo conosciuto e utilizzato fin qui. Il cardiologo del domani dovrà quindi unire l’empatia ad un corretto ed efficace ricorso alla macchina per individuare la terapia migliore per il proprio paziente". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Torino il summit degli esperti di malattie del cuore: 60mila persone ogni anno muoiono improvvisamente

TorinoToday è in caricamento