Attualità Centro / Corso Vittorio Emanuele II, 58

Giornata della Memoria, l’albero del binario 17 a Porta Nuova e le altre iniziative per ricordare

La nuova opera di Osvaldo Neirotti

Binario 17 Osvaldo Neirotti Fb

Tante le iniziative, che si svolgeranno in questi giorni per celebrare la Giornata della memoria. Sempre più importante questa data, per ricordare, ora che i testimoni diretti sono sempre più rari, rari e preziosi.

Questa ricorrenza internazionale è stata  istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2005  per commemorare le vittime dell’Olocausto. La data del 27 gennaio, che venne scelta, era quella di quel giorno del 1945 quando i soldati dell’Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz, svelando l’orrore.

L’Italia, in questa data, celebra  le vittime dell'Olocausto, delle leggi razziali e coloro che hanno messo a rischio la propria vita per proteggere i perseguitati ebrei, nonché tutti i deportati militari e politici italiani nella Germania nazista.

Ci sarà la cerimonia con le autorità al Cimitero Monumentale e iniziative in molte scuole pur con la dovuta attenzione al distanziamento per il Coronavirus. Proprio per i vincoli imposti dalla pandemia molti appuntamenti saranno in streeming: il Concerto dal Teatro Regio, quello dal Conservatorio, così come i messaggi di alcune istituzioni culturali della città come la Fondazione Nocentini e numerose altre.

Splendida l’iniziativa di Osvaldo Neirotti, l’artista torinese degli alberi, con la sua nuova opera “l’albero del binario 17. Per non dimenticare”. Si tratta di una pianta dipinta di bianco ed un filo spinato che lo avvolge. Si trova nei pressi della Stazione di Porta Nuova, da cui partivano i treni verso i campi di concentramento.

Sempre incisiva e commovente, dall’idea di Gunther Demnig, l’iniziativa, anche quest’anno, di collocare 8 nuove “Pietre d’inciampo” davanti alle case di torinesi vittime delle persecuzioni nazifasciste.

Ora vi proponiamo una poesia di Primo Levi che a scuola abbiamo letto tutti, ma che dobbiamo sempre ricordare:

Se questo è un uomo

- Voi che vivete sicuri

Nelle vostre tiepide case,

Voi che trovate tornando a sera

Il cibo caldo e visi amici:

- Considerate se questo è un uomo

Che lavora nel fango

Che non conosce pace

Che lotta per mezzo pane

Che muore per un sì o per un no.

Considerate se questa è una donna,

Senza capelli e senza nome

Senza più forza di ricordare

Vuoti gli occhi e freddo il grembo

Come una rana d’inverno.

- Meditate che questo è stato:

Vi comando queste parole.

Scolpitele nel vostro cuore

Stando in casa andando per via,

Coricandovi alzandovi:

Ripetetele ai vostri figli.

- O vi si sfaccia la casa,

La malattia vi impedisca,

I vostri nati torcano il viso sa voi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata della Memoria, l’albero del binario 17 a Porta Nuova e le altre iniziative per ricordare

TorinoToday è in caricamento