menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La coda all'ingresso del mercatino delle piante in piazza Vittorio

La coda all'ingresso del mercatino delle piante in piazza Vittorio

Torino, ultimo week-end in giallo: mercati, dehors e negozi del centro affollati

I torinesi non sembrano preoccuparsi della risalita dei contagi e dei ricoveri

Ultimo giorno in zona gialla a Torino e in Piemonte. Da domani, lunedì 1 marzo, scatterà infatti l'arancione, ma nell'ultimo week-end di 'semi libertà', il centro del capoluogo sabaudo è stato preso d'assalto. Aumento dei contagi e dei ricoveri registrati negli ultimi giorni non sembrano spaventare i torinesi che, dopo tanti mesi di restrizioni - chi più, chi meno - ora desiderano tornare alla normalità.  Da domani, lunedì 1 marzo, con la zona arancione, bar, locali e ristoranti torneranno a essere chiusi al pubblico e sarà possibile solo la vendita da asporto. 

Ma oggi, nel salotto di Torino, dehors dei bar con tavoli pieni fin dalle prime ore del mattino e ieri si è registrata grande folla anche nei mercati rionali sparsi per la città, dove i controlli erano praticamente inesistenti e le persone erano libere di girare, gomito a gomito, spesso senza rispettare le distanze di sicurezza tanto raccomandate per contenere i contagi. In piazza Vittorio Veneto, per tutta la giornata di oggi si svolge Agriflor - il mercatino delle piante e dei fiori - e già a metà mattinata, le persone in coda per l'accesso non si contavano. Gli ingressi tuttavia qui sono contingentati e gli addetti provvedono a misurare la temperatura. 

Affollate anche le vie dello shopping e l'interno dei negozi in via Po, via Roma e via Lagrange: in molti, approfittando del fine settimana, sono ancora alla caccia degli ultimi saldi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento