menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo il pranzo a Parco Dora, ai medici cubani verrà consegnata l'onorificenza del Piemonte

Il personale sanitario di Cuba ha prestato servizio alle Ogr, per 100 giorni, in piena emergenza da covid

Dopo la festa di ieri, domenica 12 luglio a Parco Dora, stamattina, alle Ogr di Torino verrà consegnata l’onorificenza del Consiglio regionale del Piemonte alla brigada dei 38 medici e infermieri cubani per il ruolo svolto a Torino - al Covid Hospital allestito proprio alle Ogr - per 100 giorni, durante l’emergenza sanitaria. Saranno presenti all'evento José Carlos Rodriguez Ruiz, ambasciatore della Repubblica di Cuba in Italia; Stefano Allasia, presidente del Consiglio regionale; Fabio Carosso, vicepresidente della Regione Piemonte; Luigi Icardi, assessore alla Sanità; Maurizio Marrone, assessore alla Cooperazione internazionale. Un altro modo per dire grazie per la dedizione e l’elevata professionalità quotidianamente profusi dal personale sanitario caraibico nella cura dei malati piemontesi di Covid-19 e giunti nel capoluogo piemontese lo scorso aprile, in piena emergenza sanitaria.

“Il Consiglio regionale - ha detto il presidente Stefano Allasia nel ringraziare il personale medico, cubano e italiano -  ha voluto conferire loro una speciale onorificenza, un segno di gratitudine, di vicinanza, ma anche un necessario punto fermo da parte dell’Istituzione, agli operatori sanitari piemontesi. Persone che hanno fatto molto più del loro dovere in senso stretto, rischiando anche la vita, talvolta perdendola, riuscendo tutti insieme a contenere una situazione imprevedibile, che si è abbattuta su di noi come una valanga. Un’attestazione che abbiamo deciso di conferire anche alla “Brigata Henry Reeve”, a cui va il nostro profondo ringraziamento, giunta da Cuba per aiutare e affiancare i nostri sanitari. Hanno dato prova di eccezionale professionalità nel garantire la quotidiana assistenza sanitaria e nel fronteggiare la grave crisi epidemiologica che ha colpito la nostra Regione". 

La festa al Parco Dora

E ieri al Parco Dora erano circa 400 le persone, tra personale sanitario cubano e italiano, volontari e pazienti dimessi con le loro famiglie, che si sono trovate a pranzo per celebrare l'uscita dalla pandemia e per salutare medici e infermieri provenienti dall'isola caraibica che si apprestano a tornare a casa. Tanti tavoli allestiti sotto la grande tettoia, fra bandiere italiane e cubane,  posizionati con le dovute distanze, e sei ingressi d'accesso differenti per evitare assembramenti, con rilevamento della temperatura.

Il menù? Un misto tra piatti piemontesi e specialità cubane. Un evento chiamato "Plaza Cuba" e offerto da Aicec - Agenzia per l'Interscambio culturale ed economico con Cuba - in collaborazione con l'ambasciata di Cuba in Italia, l'Asl 1 Città di Torino con il patrocinio della Regione Piemonte, del Consiglio Regionale del Comune. Presenti a Parco Dora per dire grazie al personale sanitario cubano, Carlo Picco dell'Asl Città di Torino; Alberto Unia, assessore all'Ambiente del Comune e Sergio Livigli, responsabile del Covid Hospital allestito alle Ogr di corso Castelfidardo e che entro il 31 luglio verrà smantellato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento