Attualità Falchera / Strada Cuorgnè

Falchera, telecamere anti-zozzone contro le discariche a cielo aperto

Scatta la raccolta firme per chiedere l'installazione delle videocamere

Fotografia FB Falchera Labb

Una raccolta firme per chiedere l'installazione di telecamere anti-zozzone. È stata promossa dai residenti del quartiere Falchera e realizzata dal comitato Falchera Labb. In pochi giorni sono state raccolte già più di trecento firme. 

La questione è di quelle che scottano. I cittadini si dicono stufi di essere la discarica a cielo aperto di singoli privati e aziende ed è per questo che chiedono l'installazione di cinque telecamere nei punti più problematici di Falchera. 

Le zone individuate sono tre: Strada Cuorgnè tra il civico 132 e 140, via delle Betulle 33 all'angolo con la strada sterrata che porta verso Strada Cuorgnè 84 e infine il tratto di strada che da via degli Ulivi va fino in via Toce partendo dall'ingresso nuovo del parco dei laghetti fino al cavalcavia dell'autostrada Torino-Milano.

In questi tratti di strada, denunciano i cittadini, verrebbero abbandonati anche rifiuti industriali. Al momento sono presenti alcune telecamere, ma sono spente. 

Intanto sabato 3 luglio i residenti del quartiere Falchera si sono radunati presso l'ingresso dei laghetti per effettuare una pulizia dei laghi e del piazzale Volgograd. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falchera, telecamere anti-zozzone contro le discariche a cielo aperto

TorinoToday è in caricamento