Attualità San Salvario / Corso Massimo d'Azeglio

Eurovision, arriva l'ordinanza anti-sbornia: al Valentino vietate le bevande alcoliche sopra i 5 gradi

Aumenta il numero consentito di paninari, in corso Massimo d'Azeglio potranno essere 14

Eurovision vietata a chi alza il gomito, a stabilirlo un'ordinanza prevista dal Comune che vieta all'interno dell'Eurovillage del Parco del Valentino la vendita di bevande alcoliche al di sopra dei 5 gradi. In sostanza l'unico alcolico che si potrà bere a cuor leggero sarà la birra; vietati il vino e i cocktail.  

Niente paura però, perché di birra ce ne sarà a volontà. Uno dei main sponsor del villaggio sarà infatti Peroni che metterà a disposizione ben dieci spillatrici; da stabilire se queste spillatrici saranno solo presso lo stand dell'azienda o se vi saranno dislocati sulla superficie del parco mini punti vendita. 

Un nodo che non è affatto di secondo luogo perché, in vista dell'inaugurazione del villaggio di Eurovision al Valentino, la Giunta comunale ha apportato una modifica sostanziale al regolamento che stabilisce le modalità di svolgimento delle manifestazioni che comportano occupazione del suolo pubblico. In sostanza fino a oggi durante le manifestazioni pubbliche era possibile, in assenza di deroghe, allestire fino a un massimo di sedici punti ristoro. 

Con la modifica approvata dalla Giunta comunale, discussa in commissione questa mattina - martedì 3 maggio - e che verrà approvata domani dal consiglio comunale - questo è l'iter da fare - i punti ristoro non saranno più un massimo di sedici, ma verranno stabiliti di volta in volta dall'amministrazione comunale. Modifica che nei fatti permetterà al Comune di passare in pochi giorni dai sette punti ristoro che attualmente sono previsti per l'Eurovillage a un numero ancora in via di definizione. 

Alla giornata di ieri, ha spiegato Paolo Chiavarino davanti ai consiglieri comunali, risultavano sette punti somministrazione: due chioschi, la Latteria svizzera, lo stand della Peroni con i suoi dieci fusti, lo stand della RedBull, l'Imbarchino e il Circolo Armida. A conti fatti un punto ristoro ogni 2.000 persone, visto che l'Eurovision Village ha una capienza massima di 18.000 persone. 

Con questa modifica al regolamento i punti ristoro potranno aumentare sia all'interno dell'area dell'Eurovillage, sia all'esterno su corso Massimo d'Azeglio dove è stato emanato un bando per la collocazione di fino a un massimo di 14 paninari. Al momento i paninari che hanno risposto alla chiamata pubblica e che sono stati ammessi sono due. Infine i bagni chimici: la birra si sà crea certe necessità e dunque sono previsti 70 bagni chimici all'interno dell'Eurovision Village, rapporto un bagno ogni 250 persone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eurovision, arriva l'ordinanza anti-sbornia: al Valentino vietate le bevande alcoliche sopra i 5 gradi
TorinoToday è in caricamento