Ospedali allo stremo, i pazienti covid sono il 25% in più della scorsa primavera

Il Codacons ha presentato un esposto in Procura

Gli ospedali a Torino e in Piemonte sono in affanno e continua la corsa contro il tempo, alla ricerca disperata di nuovi posti letto. Già perchè i pazienti positivi al coronavirus, ricoverati nelle degenze ordinarie o in terapia sub intensiva, sono il 25% in più rispetto al picco della primavera passata, quando la situazione era già allarmante.

Il picco tra una settimana

Intanto le terapie continuano a riempirsi e se la crescita continuerà ad essere lineare, si stima che il picco dei mesi scorsi verrà raggiunto tra una settimana, con 400-450 pazienti. Le stesse cifre si riferiscono al numero medio di persone in attesa nei pronto soccorsi.
A riferirlo, durante il vertice della Commissione Sanità della Regione con i responsabili del Dipartimento interaziendale malattie ed emergenze infettive, il coordinatore dell'area Dea, Gian Antonio Cibinel.

E' emergenza personale

E la situazione è seria anche per ciò che riguarda il personale sanitario. Servono figure specifiche: oltre agli infermieri, mancano gli anestesisti indispensabili in terapia intensiva per far funzionare i macchinari, tra cui i fondamentali caschi respiratori per i pazienti più gravi. Buona parte del personale sanitario attuale oltretutto, si sta inevitabilmente contagiando ed è costretto a battere in ritirata.

Esposto del Codacons

E sul caos degli ospedali, il Codacons presenta un nuovo esposto in Procura. L'associazione chiede infatti di "indagare i vertici regionali e sequestrare tutti i documenti relativi all’attività posta in essere dall’amministrazione sul fronte della gestione delle strutture sanitarie".

"La situazione in alcune province è gravissima e impone un intervento della magistratura - spiega il Codacons in una nota -. I posti letto negli ospedali scarseggiano e i pronto soccorso non riescono a far fronte ai numerosi accessi da parte dei cittadini, con conseguenze pericolosissime sul fronte delle cure prestate ai pazienti. Un quadro che potrebbe realizzare fattispecie penalmente rilevanti a carico di chi aveva il compito di impedire tale stato di cose e non ha saputo adottare i provvedimenti necessari per evitare il collasso degli ospedali cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento