menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'Ecoisola 50 in corso Gamba

L'Ecoisola 50 in corso Gamba

Ecoisole, è ancora emergenza rifiuti in Spina 3: Magliano presenta un'interpellanza in Sala Rossa

Sarebbero utili nuovi contenitori per evitare l'accumulo di spazzatura al di fuori di essi

Da agosto e ufficialmente, con l'utilizzo delle tessere, dal 20 settembre scorso, le nuove Ecoisole Smart per la raccolta differenziata sono entrate ufficialmente in attività. Tuttavia in alcune zone della città, esistono diverse criticità. In particolare in Spina 3, come già segnalato su TorinoToday qualche settimana fa, l'Ecoisola 50 di corso Gamba presenta sovente cumuli di rifiuti vicino ai cassonetti dell'indifferenziata e della plastica. Segno che forse i recipienti non sono sufficienti per la zona, molto popolosa. A parte i soliti immancabili segni di inciviltà - la scarsa attitudine delle persone a differenziare è piuttosto evidente, senza il bisogno di aprire i sacchetti abbandonati nelle apposite aree - è chiaro che qualche contenitore in più sarebbe utile, contribuendo a evitare l'accumulo di spazzatura. 

rifiuti corso gamba_ecoisole-2

Osservazioni e lamentele quindi, cominciano ad arrivare copiose dai residenti, preoccupati dalle modalità organizzative del servizio e dalle negative ripercussioni, che già si stanno rendendo evidenti, sulle condizioni di pulizia delle aree circostanti alle nuove isole. Le nuove campane di raccolta per l'indifferenziata, l'organico, il vetro, la carta e la plastica sono utilizzabili dai residenti solo mediante un'apposita tessera che ne consente l'apertura. Sulla situazione della zona, il consigliere comunale Silvio Magliano (Moderati) ha presentato in Sala Rossa un'interpellanza:

"Mi stanno giungendo numerose segnalazioni di criticità relative al nuovo sistema di raccolta rifiuti: ripercussioni negative sulle condizioni di pulizia delle aree circostanti ai bidoni e problemi dal punto di vista dello scorretto utilizzo del servizio. Le mie domande alla Giunta, che risponderà prossimamente in aula sul tema: si aumenterà il numero di cassonetti o campane disponibili? Si incrementeranno i passaggi di Amiat? In caso di abbandono di rifiuti fuori dalle campane, come e in che modo si identificano e sanzionano i responsabili? Dovranno pagare i condomini di riferimento, nei casi di impossibilità di risalire al trasgressore “materiale” dell'abbandono?".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento