L'eclissi penombrale della Luna Fragola: questa sera il vero spettacolo è nel cielo

Dopo il tramonto, il nostro satellite sarà offuscato dal cono d'ombra prodotto dalla Terra

Naso all'insù, questa sera, venerdì 5 giugno 2020, per ammirare uno spettacolo astronomico particolare: la Luna "Fragola", la seconda eclissi di Luna del 2020, dopo quella del 10 gennaio scorso. Si tratta di un'eclissi lunare penombrale - che si verifica in concomitanza con la fase del plenilunio, quando la Terra si interpone tra Luna e Sole impedendo a quest'ultimo di illuminare in nostro Satellite - e che avrà inizio alle 19.45, ora italiana. Dopo il tramonto, e in caso di condizioni meteo favorevoli, potrebbe essere più intenso il riverbero rosa sulla Luna, che da sempre ispira poesie, racconti e leggende.

Dopo il tramonto

Inizialmente il fenomeno non sarà visibile, poichè la Luna sorgerà alle 20.45 e la fase di massimo oscuramento della Luna si avrà alle 21.25, quando sarà immersa per il 59% all'interno del cono d'ombra prodotto dalla Terra, e terminerà poco dopo le 23. Sarà un evento anomalo, difficile da osservare, anche per via delle probabili coperture del cielo. Alla vista infatti, il disco lunare non apparirà oscurato ma soltanto leggermente offuscato e meno luminoso del solito. In concomitanza con la Luna Fragola, potrebbe essere visibile anche lo sciame di stelle cadenti delle Arietidi, nate dai resti della cometa 1566 Icarus: un fenomeno che raggiunge il massimo della sua visibilità tra il 2 e 10 giugno.

Curiosità

Il plenilunio di giugno viene chiamato "Luna Fragola" dai nativi americani Algonchini, in quanto in questo mese è il periodo di raccolta delle fragole. In Europa invece, l'ultima Luna piena primaverile viene detta Luna di Miele, ed è evidente la relazione con la più classica "luna di miele" che accompagna i matrimoni, fino a qualche decennio fa tradizionalmente celebrati per lo più proprio a giugno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche su internet

Questa sera dunque, tutti con gli occhi al cielo a osservare questo particolare fenomeno astronomico, dai propri balconi o da alcuni punti strategici in città: Monte dei Cappuccini, Parco Europa e altri parchi cittadini potrebbero essere una buona idea. Non serviranno occhiali speciali o dispositivi di protezione particolari. In ogni caso, per chi volesse ammirarla al meglio, l’eclissi sarà seguito in diretta nazionale dallo staff di Astronomitaly su Facebook e Youtube. Il prossimo appuntamento da non perdere con gli astri, in questo 2020, è fissato per il 21 giugno, data del solstizio d’Estate. Ci sarà una eclissi parziale di Sole, anche se l’oscuramento solare sarà estremamente basso (attorno al 3% al Centro Italia, nullo al Nord Italia, fino al 14% nel Salento) e sarà difficile da osservare per via dell’orario. Sarà comunque un altro evento che avremo modo di seguire sui canali di Astronomitaly. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Omicidio-suicidio: uccide la moglie che si stava separando da lui e poi se stesso

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Suv impazzito travolge cinque pedoni davanti a un déhors: morta una donna

  • Blocchi auto per 37 comuni dal 1 ottobre 2020: varato il regolamento

  • La porta di casa è bloccata e la proprietaria non può entrare: la polizia trova un uomo che dorme all'interno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento