Attualità

Torino dice no ai botti di Capodanno: multe fino a 500 euro

Per tutelare le persone e gli animali

Il 2020 volge al termine e a poche ore dalla mezzanotte, Torino anche questa volta ribadisce il suo 'no' ai botti di Capodanno. Il Comando della Polizia municipale della Città di Torino ricorda che, come stabilito dall’articolo 48 ter del Regolamento comunale di Polizia urbana, è “ tassativamente vietato far esplodere botti o petardi di qualsiasi tipo in tutte le vie, piazze e aree pubbliche ove transitano o siano presenti delle persone”, nonché “entro un raggio di 200 metri da ospedali, case di cura, comunità varie e ricoveri di animali (canile, gattile, ecc.)”. 

Multe salate

Un divieto, quello di far esplodere botti e in genere articoli pirotecnici, peraltro previsto dall'articolo 9, comma 23, del Regolamento 320 della Città per la Tutela e il benessere degli animali. Le sanzioni previste per chi non si attiene alle regole vanno da un minimo di 25 a un massimo di 500 euro. Inoltre,  in considerazione del particolare rischio che si potrebbe configurare, il Comando di via Bologna di Torino ricorda anche che “è tassativamente vietato il commercio in forma itinerante di artifici pirotecnici”.

Divieto di botti anche a Nichelino

Anche il Comune di Nichelino dice no ai botti di Capodanno e si schiera dalla parte degli animali. Per la città sono stati diffuse locandine che riportano la scritta "Il tuo divertimento, la loro paura".  "Con questa campagna, fatta attraverso manifesti appesi sui muri cittadini, diamo il nostro contributo per prevenire e limitare comportamenti sbagliati che tutti dobbiamo contribuire a scongiurare - dicono il sindaco della Città di Nichelino Giampiero Tolardoe l'assessore alle Politiche sugli animali Fiodor Verzola - Come Comune ci adopereremo per limitarli il più possibile, anche attraverso la promozione di capillari azioni di sensibilizzazione".

Qualche consiglio per proteggere cani e gatti

Quest'anno gli amici a quattro zampe saranno meno soli, per via delle restrizioni imposte dal governo per l'emergenza sanitaria. Certo è che eventuali botti potrebbero spaventare ugualmente il vostro animale, allora è importante rivolgersi al proprio veterinario che saprà indicare le soluzioni più adeguate da adottare in caso di crisi di paura o panico incontrollate. Ecco comunque qualche suggerimento:

- Assicurarsi che abbiano sempre un luogo di facile accesso dove ripararsi e trovar rifugio
- Assicurarsi che siano in un ambiente protetto e sicuro da cui non possano allontanarsi
- Portare a passeggio il cane durante le ore diurne sempre al guinzaglio: ricordarsi infatti che un cane spaventato può cercare di scappare ed allontanarsi. 
- Tenere i gatti e i cani in casa nelle ore serali, quando i botti potrebbero essere più facilmente utilizzati
- All’imbrunire, chiudere bene le imposte delle finestre, accostare le tende e coprire e attutire il rumore dei botti con della musica.
- Non punire mai gli animali quando sono spaventati: un tale comportamento potrebbe peggiorare il loro stato d’animo.
- Dotare l'animale di microchip (obbligatorio per i cani e facoltativo per i gatti). Permette di rintracciarlo più facilmente nel caso dovesse scappare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino dice no ai botti di Capodanno: multe fino a 500 euro

TorinoToday è in caricamento