Grattacielo Rai, deserta l'asta di vendita: a breve un nuovo bando

Si parte da 7 milioni ma ne servono altrettanti per la bonifica dall'amianto

È andata deserta l'asta per la vendita del grattacielo RAI di via Cernaia. Ieri, martedì 15 ottobre, nello studio del notaio Ganelli nessuno ha presentato un'offerta. Sette milioni di euro è la base d'asta per poter rilevare l'immobile costruito negli anni 60 e inutilizzato dal 2016, ma una cifra almeno di pari consistenza è necessaria per la bonifica dall'amianto.

Una spesa importante che evidentemente in buona fine, nessuno si sente di sobbarcarsi, sebbene nei mesi scorsi molti investitori si siano fatti avanti. Secondo i piani del Comune, il grattacielo - 19 piani e 72 metri di altezza - dovrebbe essere riconvertito in hotel o struttura ricettiva, anche in vista dell'evento clou per eccellenza che Torino accoglierà prossimamente: gli Atp di tennis.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma dopo l'asta andata deserta, la Rai, d’accordo con il Comune di Torino, presenterà a breve un nuovo bando. Una decisione presa congiuntamente anche in considerazione dell’interesse già manifestato da grandi società internazionali per un immobile che fa parte della storia della città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

Torna su
TorinoToday è in caricamento