Grattacielo Rai, deserta l'asta di vendita: a breve un nuovo bando

Si parte da 7 milioni ma ne servono altrettanti per la bonifica dall'amianto

È andata deserta l'asta per la vendita del grattacielo RAI di via Cernaia. Ieri, martedì 15 ottobre, nello studio del notaio Ganelli nessuno ha presentato un'offerta. Sette milioni di euro è la base d'asta per poter rilevare l'immobile costruito negli anni 60 e inutilizzato dal 2016, ma una cifra almeno di pari consistenza è necessaria per la bonifica dall'amianto.

Una spesa importante che evidentemente in buona fine, nessuno si sente di sobbarcarsi, sebbene nei mesi scorsi molti investitori si siano fatti avanti. Secondo i piani del Comune, il grattacielo - 19 piani e 72 metri di altezza - dovrebbe essere riconvertito in hotel o struttura ricettiva, anche in vista dell'evento clou per eccellenza che Torino accoglierà prossimamente: gli Atp di tennis.

Ma dopo l'asta andata deserta, la Rai, d’accordo con il Comune di Torino, presenterà a breve un nuovo bando. Una decisione presa congiuntamente anche in considerazione dell’interesse già manifestato da grandi società internazionali per un immobile che fa parte della storia della città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento