menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La ciclabile di Corso Francia

La ciclabile di Corso Francia

Corso Francia, Magliano: "I dissuasori vanno rimossi"

"Inutili i limiti di velocità nel controviale"

I dissuasori sulla pista ciclabile di corso Francia non saranno rimossi. I dispositivi cilindrici sistemati sul lato destro del percorso, per scoraggiare la sosta delle auto, sono pericolosi per chi si sposta in bicicletta: nel 2015 qui perse la vita Mattia Maggiora, consigliere di circoscrizione che cadendo dalla bici, andò a sbattere la testa contro un dissuasore.

Ma da allora nulla è stato fatto e di tanto in tanto, sulla stessa ciclabile, si verifano incidenti e sono molte le segnalazioni che sottolineano la pericolosità dei dissuasori. Silvio Magliano, capogruppo dei Moderati in Comune, si batte da tempo per risolvere la faccenda.

Ha presentato un'interpellanza ma a distanza di quattro anni, la Giunta - pur ammettendo la pericolosità dei cilindri in metallo, non li rimuoverà nè li coprirà. Il problema come al solito è la mancanza di risorse finanziarie: "Non abbiamo 160mila euro per un intervento completo" si è scusata l'assessora alla Viabilità Maria Lapietra. Parziale apertura finale in Commissione, dove si è discussa la questione, con l'ipotesi di chiedere risorse finanziarie all'Assessore al Bilancio.

"Quattro anni di promesse, tutte a vuoto - commenta Magliano -. Poche parole per confermare ufficialmente quanto avevamo già abbondantemente inteso: i cilindri in metallo lungo la pista ciclabile di corso Francia non saranno né rimossi né coperti. Auspichiamo ora che la Giunta decida di trovare le risorse".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento