menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vacanze 2020, Europa: dove gli italiani possono viaggiare e le restrizioni vigenti

Fino a quando

Finalmente, dopo un periodo durissimo a  causa dell'emergenza Coronavirus, si può tornare a viaggiare. Per le vacanze estive, quindi, gli italiani possono pensare ad un viaggio presso uno o più paesi dell’Unione Europea e i Paesi Schengen. 

Attenzione, però: ci sono alcuni Paesi che, almeno per un po' di tempo, adottano ancora delle restrizioni  per i cittadini italiani ed anche per i piemontesi. Vediamo nel dettaglio tutte le restrizioni vigenti nei Paesi più gettonati dagli italiani per le loro vacanze in Europa.

  • Grecia. La Grecia ha deciso di riaprire i confini a partire dal 15 giugno. Fino al 30 dello stesso mese, però, gli italiani provenienti da Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna dovranno fare un periodo di isolamento: sottoposti al test al loro arrivo, verranno messi in isolamento per 7 giorni in caso di negatività, per 14 in caso di positività. La situazione cambierà dal 1° luglio, quando l’accesso sarà libero e non verrà osservata nessuna quarantena. Resteranno comunque esercitabili i test a campione sui viaggiatori in arrivo. 
  • Francia. L’ingresso dai nostri vicini francesi è possibile: basterà compilare un modulo dove vengono spiegati i motivi del viaggio, insieme ad un’autocertificazione in cui si dichiara di non aver avuto sintomi del virus nelle ultime 48 ore.  
  • Germania. Diverso il discorso per la Germania, dove l’ingresso agli italiani, così come ai cittadini di molti altri paesi UE, è vietato fino al 15 giugno. Dopo questa data sarà previsto lo sconfinamento senza restrizioni. 
  • Spagna. Dall'1 luglio sarà revocata la quarantena obbligatoria per i viaggiatori: a partire da inizio giugno, alcune compagnie aeree europee dovrebbero riattivare i collegamenti per mete classiche del turismo come Maiorca, Costa del Sol e Costa Blanca.
  • Portogallo. Fino al 15 giugno solamente gli spagnoli potranno andare in vacanza in Portogallo. Avverrà poi un'apertura graduale del Paese: secondo l'associazione alberghiera nazionale la maggior parte degli hotel dovrebbe riaprire a metà luglio.
  • Svizzera. Le frontiere svizzere resteranno chiuse fino al 15 di giugno, data in cui verranno aperte per i cittadini di Germania, Francia e Austria. Il via libera per l’ingresso degli italiani è previsto entro il 6 luglio. 
  • Austria. Il 15 giugno il Paese riaprirà i suoi confini con Germania, Svizzera e Liechtenstein, ma per l'Italia la decisione non è ancora stata presa.
  • Regno Unito. Le nuove regole riguardanti l’ingresso di cittadini stranieri entreranno in vigore l’8 giugno. Con l’obbligo di dichiarare oltre ai contatti le tappe e l’itinerario da percorrere una volta all’interno del Paese, l’ingresso sarà libero per tutti. Tuttavia, bisognerà osservare una quarantena di 14 giorni. 
  • Irlanda. L'ingresso è permesso, vige però l’obbligo di osservare una quarantena di 14 giorni.
  • Islanda. È concesso l’ingresso per i cittadini dell’UE, ma come per l’Irlanda è obbligatoria una quarantena di 14 giorni.
  • Olanda. Al momento non è prevista nessuna restrizione.
  • Romania. I voli che collegano la Romania all’Italia sono sospesi, ma dall'1 giugno è stato riaperto il traffico stradale e ferroviario. 
  • Slovenia. Per ora l’ingresso è permesso a tutti i cittadini dell’UE, con l’obbligo di quarantena di 14 giorni. 
  • Croazia. Tutti i cittadini dell’UE vi possono entrare, basterà avere una prenotazione alberghiera. 
  • Svezia. Con i collegamenti aerei limitati, la Svezia non vieta a nessuno l’ingresso. Tuttavia chiede alle autorità di valutare l’effettiva necessità del viaggio.
  • Malta. Gli ingressi a scopo turistico sono bloccati fino al 15 giugno.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento