Tamponi diagnostici e di controllo sul coronavirus: il Piemonte adesso è al quinto posto

Dopo l'aumento di esami e laboratori

immagine di repertorio

Il Piemonte è quinto per i tamponi diagnostici e di controllo sul coronavirus in rapporto al numero degli abitanti. L'assessore regionale Matteo Marnati, che ha la delega all'attività dei laboratori, ha diffuso oggi i dati della Fondazione Gimbe, parla di secondo posto, riferendosi probabilmente alle regioni più grandi e popolose, ma in realtà il Piemonte segue il Trentino-Alto Adige (o meglio le province autonome di Trento, che fa 222 tamponi al giorno ogni 100mila abitanti, e Bolzano, che si ferma a 170), la Valle d'Aosta (192), il Veneto (166) e il Friuli-Venezia Giulia (157). Queste regioni sono le uniche inserite nella 'classe 2' dall'ente, che invece non classifica nessuno in 'classe 1', ossia con un numero di tamponi per 100mila abitanti superiore ai 250, segno che si ritiene il numero ancora insufficiente.

Il Piemonte, invece, guida il gruppo della 'classe 3' con i suoi 117 tamponi per 100mila abitanti, numero comunque superiore alla media nazionale di 85. Lo studio si riferisce esclusivamente al periodo dal 22 aprile al 6 maggio 2020, periodo in cui la nostra Regione ha incrementato di molto esami e laboratori. Il Piemonte è comunque davanti a regioni come la Liguria e l'Emilia-Romagna. Nei giorni dello studio ha eseguito 5.103 tamponi di cui il 65,9% sono diagnostici (primo esame) e i restanti invece di controllo. Il risultato arriva dopo l'aumento di esami e laboratori per eseguirli (che erano appena due a inizio emergenza, mentre ora sono 18).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marnati si dice "orgoglioso del duro lavoro svolto in questi mesi e fiducioso di incrementare il numero di tamponi in regione tenendo testa al Veneto. Abbiamo risalito la china in un momento di grande emergenza. C'è ancora molto lavoro da fare ma non dobbiamo abbassare la
guardia. Il Piemonte è una grande regione e c'è un grande potenziale di miglioramento. Metteremo a sistema i laboratori per essere pronti a ogni tipo di emergenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

  • Incidente mortale in città: a perdere la vita uno scooterista di 30 anni

  • Delirio in tangenziale: si scontrano auto, furgone e tir. Code di dieci chilometri

  • Elezioni comunali a Venaria Reale: sarà ballottaggio tra Giulivi e Schillaci

  • Elezioni 2020, in 23 comuni del Torinese i cittadini sceglieranno il sindaco e il consiglio comunale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento