menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immagine di repertorio

immagine di repertorio

Coronavirus: isolato in Piemonte il primo caso di variante brasiliana

Ma quella inglese resta di gran lunga prevalente

Dopo la variante inglese, fa la sua comparsa in Piemonte anche la variante brasiliana del coronavirus. Il sequenziamento che ha permesso la scoperta della mutazione è stato effettuato a marzo 2021 dal laboratorio dell’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) di Candiolo per conto della Regione Piemonte e nell’ambito del piano di monitoraggio delle varianti richiesto dall’Istituto superiore di sanità.

Dall’analisi degli ultimi 150 campioni inviati dagli epidemiologi piemontesi all’Istituto di Candiolo, è emerso che nel 90,2 per cento dei casi la variante individuata è quella inglese (al 18 febbraio la percentuale era del 48,2%), mentre per la prima volta è stato rilevato anche un caso di variante brasiliana. Quest'ultima è in grado di contagiare nuovamente chi ha già preso il virus nelle varianti precedenti.

"Prendiamo atto che le mutazioni del virus non risparmiano nessuno - osserva l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi -, ragione in più per procedere senza sosta con la campagna vaccinale, in modo da limitare il più possibile lo svilupparsi delle varianti. Il monitoraggio funziona e garantisce un attento e tempestivo controllo della situazione".

Continua a leggere su TorinoToday per essere aggiornato sulle notizie di Torino e provincia

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento